Alla Kore di Enna un simulatore di volo per gli studi sulla sicurezza aerea

Alla Kore di Enna un simulatore di volo per gli studi sulla sicurezza aerea
23 giugno 2015

L’unico simulatore di volo gestito da una università in Europa è stato inaugurato ieri  alla Kore di Enna. La cerimonia si terrà nel nuovo polo di ricerca della facoltà di Ingegneria e Architettura di contrada Santa Panasia, ad Enna bassa. Il simulatore di volo è stato acquisito nell’ambito del progetto Reset, finanziato dall’assessorato alle Attività produttive della Regione siciliana nell’ambito del Po-Fesr Sicilia 2007-2013 e permetterà lo studio del comportamento del personale di volo in condizioni di stress.

Lo strumento è installato al centro di ricerca Marta (Mediterranean Aeronautic Research & Trasportation Academy), struttura appositamente realizzata dalla Kore e dedicata alle attività didattiche e di ricerca del corso di laurea in Ingegneria aerospaziale, che diventerà polo di riferimento europeo per le attività di ricerca.

«Abbiamo comprato questi terreni in una zona che fino a tre anni fa era tutta campagna. Oggi c’è una bella struttura accademica, che supporta i nostri ricercatori». L’importanza dei nuovi padiglioni è stata messa in evidenza dal presidente Cataldo Salerno.

È il primo laboratorio d’Europa dotato di simulatori di volo per attività di ricerca sullo «Human Factor Aeronautico». I nuovi padiglioni si trovano in una contrada che ha sede alla sinistra della strada che porta a Caltanissetta, attraverso il bivio di Capodarso, ma alle porte di Enna bassa. Le nuove apparecchiature, per i responsabili del progetto, consentiranno di ampliare le attività di ricerca del partenariato nel settore della sicurezza, sostenibilità e efficienza delle diverse modalità di trasporto. Il responsabile del Centro “Marta” è il professore Andrea Alaimo.

Leggi anche:  Fondazione Kore di Enna, Salerno di dimette. Al suo posto Leanza


Commenti

Ha compiuto 35 anni la legge n. 646, del 416 bis, più nota come legge “Rognoni-La Torre”, sul reato di […]


La colonna infame