Ballottaggio a Trapani: niente quorum, la città verso il commissariamento

Ballottaggio a Trapani: niente quorum, la città verso il commissariamento
25 giugno 2017

Seggi deserti al ballottaggio a Trapani. I risultati non sono ancora definitivi, ma il mancato raggiungimento del quorum che si sta delineando non consentiranno alla città di avere un sindaco.L’affluenza si è fermata al 26,75%. L’esponente del centrosinistra Piero Savona, chiamato a una missione impossibile dopo la rinuncia del candidato del centrodestra, Girolamo Fazio, non sarà dunque primo cittadino.

Per essere valido il voto occorreva che alle urne il quorum superasse il 50% degli elettori e l’unico candidato, Pietro Savona del Pd, doveva ottenere almeno il 25% dei suffragi di tutti gli aventi diritto al voto.

“Credo che tutti abbiano invitato a non votare, non solo il M5S, credo che anche altre forze abbiano avuto interesse a che noi non arrivassimo al 50% più uno degli elettori”. Così ai microfoni di Rainews 24 Pietro Savona.

Adesso il voto sarà annullato e sarà nominato nei prossimi giorni, dalla Regione siciliana, il commissario che guiderà il comune.

Leggi anche:  Voli Ryanair a Trapani a rischio, ecco quanto devono i Comuni della provincia di Trapani


Commenti

La colonna infame