Bancari, assunzioni in tutta Italia, tranne in Sicilia. Perchè?

Bancari, assunzioni in tutta Italia, tranne in Sicilia. Perchè?
14 maggio 2015

“Il FOC, Fondo nazionale per il sostegno dell’occupazione nel settore del credito, ha assunto o stabilizzato dalla sua istituzione, perfezionata nel 2012 e finanziata con i soldi dei lavoratori senza oneri per la finanza pubblica, 10.379 giovani, di cui soltanto il 28% provenienti dalle regioni del Sud e nessuno in Sicilia“. Lo ha detto Gino Sammarco, segretario generale della Uilca Sicilia, nel corso di un incontro con i quadri sindacali. “Le assunzioni di giovani del Sud beneficiano di un contributo per le Aziende maggiorato del 20%, quindi non si capisce perché le banche che si professano ‘banche del territorio’ come Unicredit, non passino dai proclami ai fatti concreti assumendo anche i giovani siciliani. Siamo venuti a conoscenza che dall’inizio dell’anno sono state perfezionate 30 assunzioni Unicredit a Napoli e quindi parafrasando ‘cristo si è fermato a Eboli’ e… Unicredit in Campania, ma quando arriverà in Sicilia?”

“E’ incredibile che Unicredit assuma in tutta Italia tranne che in Sicilia, che non prenda in considerazione le qualità e la disponibilità dei giovani siciliani disponibili a raggiungere qualunque destinazione, che consideri la Sicilia soltanto terra di conquista ‘ai confini dell’ Impero’ che la marginalizzi escludendola dai progetti e dai percorsi di crescita, negandole un futuro, negando ai nostri ragazzi perfino la speranza”. “Per non parlare della classe politica siciliana – ha concluso Sammarco – che esprime un componente nel consiglio di amministrazione di Unicredit e ne detiene un pacchetto azionario, in parte o del tutto liquidato in perdita con grave danno erariale, e non abbia  mai fatto sentire attraverso i propri rappresentanti neanche una flebile voce a sostegno di nuova occupazione”.

Leggi anche:  Beni culturali in Sicilia, ecco la circolare per le sponsorizzazioni, dopo le figuracce...


Commenti

Ha compiuto 35 anni la legge n. 646, del 416 bis, più nota come legge “Rognoni-La Torre”, sul reato di […]


La colonna infame