Bando da oltre 2 milioni di euro per imprese culturali under 35

Bando da oltre 2 milioni di euro per imprese culturali under 35
8 giugno 2017

C’e’ tempo fino al 23 giugno per partecipare a ‘Funder35 – l’impresa culturale che cresce‘, il bando rivolto alle non profit culturali composte prevalentemente da giovani sotto i 35 anni.

A disposizione ci sono 2 milioni e 650 mila euro di risorse private per sostenerle, accompagnarle, rafforzarle sia sul piano organizzativo che gestionale, premiando l’innovatività. Sono organizzazioni che necessitano di nuove strategie per migliorare le capacità di affrontare il mercato e alle quali – come sottolinea il claim della campagna – non basta ricevere metaforicamente solo una pacca sulle spalle.

Promosso da 18 fondazioni – 17 fondazioni di origine bancaria e la Fondazione con il Sud – il bando offre loro un’occasione di crescita e di sviluppo attraverso un contributo economico a fondo perduto e un’attività di accompagnamento, che prevede un supporto formativo e una serie di opportunità, come l’accesso a servizi di facilitazione al credito; la possibilità di partecipare a ‘CrowdFunder35’, iniziativa di crowdfunding realizzata da Funder35 e Fondazione Sviluppo e Crescita CRT; la partecipazione alla ‘Comunià di pratiche’ di Funder35 per lo scambio di idee, modelli e prassi di successo.

I territori coinvolti dal Bando sono le regioni Basilicata, Calabria, Campania, Lombardia, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia e Valle d’Aosta e le province di Bologna, Modena, Parma e Ravenna in Emilia Romagna, Pordenone e Udine in Friuli-Venezia Giulia, le province della Spezia e di Genova in Liguria, le province di Ascoli Piceno e Ancona nelle Marche, di Firenze, Livorno e Lucca in Toscana, le province di Belluno, Padova, Rovigo, Verona e Vicenza in Veneto.

Leggi anche:  Bilancio regionale, Baccei: «Col governo nazionale accordo che vale un miliardo»


Commenti

Ha compiuto 35 anni la legge n. 646, del 416 bis, più nota come legge “Rognoni-La Torre”, sul reato di […]


La colonna infame