Bilancio, Lupo: “Manovra iniqua che penalizza i siciliani più deboli”

Bilancio, Lupo: “Manovra iniqua che penalizza i siciliani più deboli”
5 dicembre 2018

“Il governo ha presentato una manovra di variazione di bilancio a cui manca un fondamentale principio di equità e di giustizia sociale e che taglia previsioni di spesa fondamentali in maniera scriteriata, anche in violazione delle ordinarie procedure parlamentari”. Lo ha detto il capogruppo Pd Giuseppe Lupo incontrando i giornalisti stamattina all’Ars.“ E’ una manovra iniqua che non tiene in alcun conto le richieste dei sindaci dei Comuni in dissesto e predissesto di creare un fondo che consenta loro di prestare i servizi essenziali ai cittadini, definanzia il reddito di inclusione per le fasce più deboli della popolazione, taglia il fondo per i progetti individuali per i disabili, abolisce il finanziamento per le consulte giovanili,  dirotta altrove le somme, che il Governo non è stato capace di spendere, per l’attivazione dei Tribunali di Mistretta, Nicosia e Modica,  riduce notevolmente le risorse destinate alle Ipab per il pagamento degli stipendi, taglia addirittura i fondi per i farmaci innovativi e   prevede  somme ancora insufficienti per i consorzi di Bonifica, soprattutto quello di Ragusa. Il governo  Musumeci  – aggiunge Lupo – dimostra ancora una volta di non essere in grado di governare la Sicilia e soprattutto di non aver alcun rispetto per Parlamento e per le leggi che approva.  E’ inaccettabile che  il presidente Musumeci , che ha scaricato sui sindaci responsabilità enormi in materia di smaltimento dei rifiuti dimentichi di applicare una norma  che destinava risorse ai Comuni virtuosi che superano la soglia del 65 per cento di raccolta differenziata e che contavano su queste somme per chiudere i bilanci ed allontanare lo spettro del dissesto. Così come paradossale – prosegue –  appare l’annuncio di una legge sul diritto allo studio  mentre i Comuni non dispongono i fondi per il trasporto degli studenti pendolari.  Se il Governo non cambia impostazione ci opporremo fermamente sia in commissione che in Aula  e chiederemo al presidente Musumeci – conclude  il parlamentare PD  – di ritirarlo e tornare a discutere in Commissione la stesura di una manovra equa  per tutti i siciliani”.

“Gli indici di povertà assoluta e relativa in Sicilia hanno raggiunto percentuali preoccupanti e il conseguente sovraindebitamento delle famiglie siciliane è nettamente cresciuto negli ultimi anni, ma il presidente Musumeci sembra  voler cancellare un dato così grave così come una misura importante  per fronteggiare le situazioni di disagio  qual è il Rei”.  Lo dice il presidente della Commissione  Cultura Formazione e Lavoro Luca Sammartino a margine della conferenza stampa del PD sulla manovra di variazione di bilancio in esame all’Ars.“ La scura del governo regionale si è abbattuta in maniera gravissima sulle norme di sostegno ai siciliani più deboli, da quelli in povertà assoluta alle donne vittima di violenza, solo per fare alcuni esempi – aggiunge il parlamentare PD .  Un operazione non casuale se si pensa che il fondo di 200 mila euro destinato  ai trasferimenti ai Comuni per  il finanziamento dei  centri antiviolenza e delle case di accoglienza non è mai stato attivato mancando persino la delibera di giunta , è viene ora  decurtato  togliendo ogni possibilità di  intervento in un settore  estremamente delicato e per il quale la regione non si è mai attivato centri antiviolenza e case di accoglienza. Non è accettabile – conclude Sammartino – che il governo regionale  decida pretestuosamente di non applicare norme approvate dal Parlamento regionale per procedere poi al decurtamento o alla cancellazione dei capitoli rimasti inattivi”.




Leggi anche

Commenti

Succede

In breve

  • RSS Nebrodi News