Blockchain, due studi di Palermo pronti a fornire servizi innovativi per i professionisti

Blockchain, due studi di Palermo pronti a fornire servizi innovativi per i professionisti
27 settembre 2017

Studio Mazzeo e Studio Piazza annunciano di avere avviato un progetto comunitario sulla tecnologia Blockchain che attinge ai fondi europei per professionisti. Sono i primi studi professionali in Sicilia già pronti ad offrire alle aziende servizi innovativi legati alla Blockchain attraverso soluzioni applicative adatte alle pmi del settore vinicolo, dell’arte, della sanità e dei servizi finanziari. L’approccio integrato di due professionisti diversi, un’aziendalista (Mazzeo) ed un avvocato (Piazza) è dovuto al fatto che l’innovazione tecnologica e di prodotto richiedono un adeguato supporto sia per il ridisegno organizzativo dell’azienda che per il suo riassetto legale e dei suoi rapporti giuridici.

Anche di questa iniziativa si è parlato a Palermo nel l terzo incontro del “Caffè delle 9”, promossa dallo Studio Piazza e dallo Studio Mazzeo, insieme con la società internazionale di revisione e consulenza Grant Thornton. Il tema innovativo questa volta ha riguardato la Blockchain. L’iniziativa ha accolto spontaneamente rappresentanti istituzionali di banche, industria e professioni senza essere un club, un’associazione, un partito politico o una fondazione. Il “Caffè delle 9” è semplicemente un luogo in cui si trattano innovazione, progetti e fenomeni di trasformazione. Un momento di incontro libero in cui esprimere le proprie opinioni su dei temi di grande interesse. Le ultime due volte si è trattato della Brexit e del Bail In . Questa volta della Blockchain.

Al “Caffè delle 9” sulla Blockchain erano presenti imprese del settore vinicolo, della trasformazione agricola, aziende della sanità privata e rappresentanti di importanti istituzioni bancarie. Con il progetto comunitario si vuole realizzare una piattaforma siciliana per fornire servizi in outsourcing alle pmi siciliane sulla nuova tecnologia Blockchain al fine di aumentare l’efficienza della gestione aziendale e per fornire nuovi servizi alla loro clientela.

Leggi anche:  E sulla riforma delle provincie in Sicilia la Regione boccia...la Regione


Commenti

La colonna infame