Dalla Regione via libera al recupero della fascia costiera di Ispica

Dalla Regione via libera al recupero della fascia costiera di Ispica
15 gennaio 2019

Si completa il recupero della fascia costiera di Santa Maria del Focallo a Ispica, in provincia di Ragusa. Ne dà notizia il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, in qualità di commissario contro il dissesto idrogeologico. 

Dopo un lungo periodo di attesa per la comunità iblea – evidenzia il governatore – non solo viene ultimata l’opera che restituirà, per intero, il litorale al territorio, ma si mette in sicurezza la strada provinciale 67, sulla quale si erano registrati cedimenti per effetto di infiltrazioni d’acqua”.

Questa seconda tranche di lavori, che sono stati aggiudicati per un importo di 12 milioni di euro, fa seguito a un primo intervento – già definito e dell’importo di 3,6 milioni di euro – che interessa un tratto di costa lungo un chilometro, sui dieci complessivi. Notevoli i disagi vissuti dalla popolazione locale sul fronte della viabilità in una zona strategica per l’economia e per il turismo, in crescita  dopo il riconoscimento a Ispica della Bandiera blu per la pulizia delle spiagge delle acque di balneazione, oltre che per la qualità degli approdi turistici.

“In questo caso – conclude il presidente Musumeci – l’intervento per il recupero della costa si unisce a quello sulla viabilità, a dimostrazione che la tutela dell’ambiente e la messa in sicurezza degli assi viari sono presupposti ineliminabili per la crescita economica e per l’incremento turistico delle nostre località”.

Leggi anche:  Montante resta in carcere, revocati i domiciliari all'imprenditore Romano


Leggi anche

Commenti

Leggi anche:  Sanatoria nascosta: Corte costituzionale boccia norme siciliane

Leggi anche:  Falcone a Pantelleria: "I panteschi non sono meno siciliani degli altri"

www.ShopRicambiAuto24.it

Leggi anche:  Caos rifiuti, Sicilia senza un piano. Proroga di 15 giorni per gli Ato

Succede

Leggi anche:  Sanatoria nascosta: Corte costituzionale boccia norme siciliane