Mafia, domani sit – in a Palermo dei lavoratori delle aziende confiscate

Mafia, domani sit – in a Palermo dei lavoratori delle aziende confiscate
4 novembre 2013

PALERMO – Diventa sempre più drammatica la situazione dei lavoratori delle aziende confiscate alla mafia e gestite dallo Stato. L’emergenza riguarda soprattutto le aziende edili, molte del settore del calcestruzzo, ma anche aziende di costruzione, movimento terra e quanto altro, costrette a chiudere da un giorno all’altro, con centinaia di lavoratori licenziati. E’ per questo che domani  addirittura ci sarà a Palermo una cosa mai vista: uno sciopero regionale  dei lavoratori delle imprese edili sequestrate e confiscate alla mafia e sit- in a Palermo, davanti alla Prefettura. E’ un’iniziativa della Fillea Cgil Sicilia che chiede all’Agenzia per i beni confiscati di “risolvere i problemi che riguardano i lavoratori in questione”.
“Finora – dice Franco Tarantino- segretario della Fillea si è pensato alle soluzioni per i beni, senza prevedere niente per i lavoratori, il cui destino resta incerto. Noi – aggiunge- diciamo no alla vendita di beni svuotati dai lavoratori”.
Il tema è caldo. Una dei punti di crisi del sistema è rappresentato certamente dall’Hotel San Paolo Palace per il quale è stato istituito un tavolo tecnico specifico. Ma domani a scendere in piazza, in particolare, saranno gli operai edili delle imprese che si occupano di costruzioni. Si tratta di circa 800 persone che vedono a rischio la loro attività.
La Fillea, che sollecita per domani un incontro al Prefetto e all’Agenzia, chiede piani industriali per le aziende; che venga impedito lo “spacchettamento” delle imprese, coinvolto il ministero dello sviluppo economico per attivare piani di impresa che salvaguardino l’occupazione. Sollecita, inoltre, il coinvolgimento di lavoratori e sindacati. La Fillea chiede anche un accelerazione sulla strada per il varo della legge di iniziativa popolare “Io riattivo il lavoro”.

Leggi anche:  Quando il boss Vito Gondola decise con Riina l'eliminazione della famiglia mafiosa di Marsala...


Commenti

Ha compiuto 35 anni la legge n. 646, del 416 bis, più nota come legge “Rognoni-La Torre”, sul reato di […]


La colonna infame