Finanziaria, Aricò: “Scongiurati i tagli, superata una prova difficile”

Finanziaria, Aricò: “Scongiurati i tagli, superata una prova difficile”
15 febbraio 2019

 “La coalizione di governo che sostiene Nello Musumeci ha superato una prova difficile, contro tutto e tutti. Abbiamo dovuto fare letteralmente i conti con una pesante eredità, tuttavia la Finanziaria appena approvata è la migliore possibile in queste condizioni e per la prima volta negli ultimi 15 anni ha avuto il via libera dopo solo un mese di esercizio provvisorio”.

Lo afferma Alessandro Aricò, capogruppo all’Ars di DiventeràBellissima, aggiungendo: “Sono stati scongiurati gran parte dei tagli previsti in un primo momento, garantendo ad esempio i necessari fondi alle categorie più deboli, all’Esa, ai consorzi di bonifica, ai forestali e al mondo della cultura e dello sport. Importanti pure il salvataggio di Riscossione Sicilia, la stabilizzazione del personale penitenziario sia medico che sanitario, le premialità per i Comuni virtuosi, l’incremento dei fondi per il trasporto pubblico locale con attenzione particolare all’Amat di Palermo e l’aver ribadito che il percorso di stabilizzazione di migliaia di precari degli enti locali potrà continuare. Confidiamo ora in una positiva interlocuzione con il governo nazionale”.

Infine, Aricò sottolinea: “La coalizione di governo ha anche condiviso alcune proposte delle opposizioni, dimostrando con i fatti che il nostro appello a un leale confronto in aula era sincero. Spiace, quindi, aver dovuto assistere anche ad atteggiamenti irresponsabili di chi si è nascosto dietro il voto segreto, anacronistico e da abolire prima possibile”.

Leggi anche:  Crocetta nomina Mariella Lo Bello alle attività produttive e Alessadra Di Liberto all'Irsap


Leggi anche

Commenti

Leggi anche:  Il governo nazionale contesta il bilancio della Regione: "Non ci sono coperture"




Leggi anche:  Crocetta nomina Mariella Lo Bello alle attività produttive e Alessadra Di Liberto all'Irsap

www.ShopRicambiAuto24.it

Leggi anche:  L'ex deputato regionale di Trapani Livio Marrocco dovrà restituire 56.803 euro

Succede




Leggi anche:  Regione rimodula Fesr: 200 milioni in più alle imprese per favorire gli investimenti