Gestivano illegamente pompe funebri, arresti due fratelli a Messina

Gestivano illegamente pompe funebri, arresti due fratelli a Messina
20 dicembre 2018

Avrebbero gestito la società di pompe funebri nonostante ne fossero stati estromessi nel 2006 dall’autorità giudiziaria. E’ l’accusa contestata ai fratelli Giuseppe e Rocco Stracuzzi, di 50 e 47 anni, arrestati dalla Dia di Messina con il supporto del Centro Operativo di Catania.

Nei loro confronti è stata eseguita un’ordinanza del Gip di Messina su richiesta del procuratore Maurizio De Lucia per estorsione, minaccia a pubblico ufficiale ed elusione del provvedimento di amministrazione giudiziaria disposto a loro carico.

Inoltre avrebbero costretto, anche con minacce, un loro dipendente a consegnare parte della retribuzione mensile e intimorito l’amministratore giudiziario, arrivando perfino a danneggiare i sistemi di videosorveglianza installati a tutela dei beni sequestrati.

La Dia ha eseguito anche un sequestro per equivalente per le somme che, secondo l’accusa, sarebbero state indebitamente incassate sui conti personali.

Leggi anche:  Catania, buco da 10 milioni di euro in una casa di cura per anziani


Commenti

Leggi anche:  Sistema Montante, Fava: "Governo parallelo che controllava assest della Regione"

Leggi anche:  Mafia, arrestato l'ex deputato regionale Paolo Ruggirello

www.ShopRicambiAuto24.it

Leggi anche:  Catania, buco da 10 milioni di euro in una casa di cura per anziani

Succede

Leggi anche:  Tre aziende di Messina e provincia tra i premiati a Best in Sicily 2019