I vini siciliani al Vinitaly in cerca di conferme

I vini siciliani al Vinitaly in cerca di conferme
7 aprile 2013

VERONA – La coincidenza è sfuggita a molti. L’edizione del Vinitaly di quest’anno coincide con i 50 anni dall’istituzione della Doc, la Denominazione d’origine controllata, creata con la legge 930 del 1963. Ma ricorrenza a parte qual è lo stato di salute del vino, con un particolare occhio alla Sicilia e all’export?

CALO DEI CONSUMI. Nel 2012 sono stati versati nei nostri bicchieri 40 milioni di litri di vino in meno, cioè il 2 per cento. Secondo alcuni dati, però, si beve meno, ma meglio, perchésettesoli nella GDO sono in aumento le vendite di bottiglie di prezzo superiore ai 6 euro. Il consumo pro capite in Italia è comunque sceso sotto i 40 litri l’anno. Secondo Coldiretti, un italiano su tre consuma vino solo in occasioni particolari. Solo il 27% degli italiani dichiara di portare a tavola, ogni giorno, del vino.

EXPORT. Il vino è la punta di diamante del Made in Italy. Lo esportiamo in tutto il mondo per un valore complessivo di 222 miliardi di export. Dato curioso, sono i dazi ad essere salati per le nostre cantine: 269 milioni di euro solo nel 2012. Ogni bottiglia venduta all’estero costa ad una cantina italiana il 12% solo di dazi. Ma il mercato del vino non dovrebbe essere libero? Non esattamente. Nell’Est Europa e in Asia le barriere sono un problema: si va dal 15% di dazi della Cina al 20% della Russia sino al 60% della Tailandia e ad un clamoroso 150% dell’India, senza dimenticare il 26% del Brasile. Troppo per l’Italia, che è il secondo Paese esportatore di vini nel mondo. E non è un caso che solo il 4,7% del vino italiano finisce in Asia, l’1,3% in Sud America. Ci sono troppe barriere. La metà, il 50%, finisce in Europa, e il 33% nel Nord America. In Cina ci sono 190 milioni di potenziali acquirenti di vino sul web, secondo le ultime ricerche. Un accordo commerciale biltareale tra Italia e Cina sarebbe un toccasana per il mercato.

LA CONCORRENZA CINESE. Ma bisogna fare presto. La Cina è, tanto per cambiare, un Paese emergente anche su questo fronte. Ormai è al mondo il sesto produttore. Nel 2015 consumerà 2,6 miliardi di bottiglie. Nel quartiere di Chaoyang in un chilometro ci sono sei enoteche, e nei supermarket ormai è un fiorire di sezioni vinicole.

DUCA DI SALAPARUTA. Il primo gruppo vitivinicolo siciliano è Duca di Salaparuta, che riunisce tre marchi storici, Corvo e Duca di Salaparuta, nati nel 1824, e Florio, nato nel 1833. Per Filippo Cesarino, direttore generale di Duca di Salaparuta Spa, la strategia per l’estero è “fare conoscere la tipicità italiana e puntare sul brand”. “Noi non sviluppiamo prodotti per l’estero – spiega Cesarino ma selezioniamo cinque bottiglie per costruire identità e conoscenza del brand”. Il salto di qualità per i tre marchi siciliani è arrivato nel 2000, quando sono stati acquisiti dalla Ilva di Saronno, la holding della famiglia lombarda Reina, che esporta in tutto il mondo il famoso Amaretto. Il 30% delle 12 milioni di bottiglie prodotto l’anno parte per l’estero. E nel 2012 le esportazioni sono salite del 5%. E’ il Corvo il vino a fare da testa di ponte per l’estero (è anche il vino più venduto nella grande distribuzione italiana). E la holding ha da poco inaugurato un ufficio a Shangai, in Cina.

LE AZIENDE SICILIANE AL VINITALY. Sono 250 le aziende siciliane a rappresentare a Verona l’eccellenza del comparto vitivinicolo isolano. Tra i tanti prodotti presentati, anche 16 vini siciliani sperimentali, risultato del progetto di ricerca Promed. I vini, 5 bianchi, 7 rossi e 4 liquorosi, sono stati selezionati dai tecnici dell’Istituto regionale vino e olio, capofila del progetto che vede coinvolti il Centro studi di economia applicata all’ingegneria di Catania, i Comuni di Pantelleria e di Lampedusa e Linosa e 3 partner maltesi (Ministero risorse rurali, Università e l’associazione di produttori VitiMalta). “Le etichette – spiega Lucio Monte, responsabile dell’area tecnico-scientifica dell’Irvos e coordinatore del progetto Promed sono il risultato di un’intensa attività di ricerca svolta nella nostra cantina sperimentale di Marsala e in campo grazie alla collaborazione di tutti i partner”. Le attività realizzate dal progetto sul fronte viticolo-enologico sono state molto impegnative: 38 vinificazioni nel biennio, oltre 6mila analisi chimiche, un migliaio di analisi microbiologiche, più di 500 degustazioni e analisi sensoriali e più di 300 analisti individuati.



Leggi anche

Commenti

wholesale nfl jerseys
However, if bacteria were the only organisms that antibiotics killed, much of this book would be unnecessary buy penicillin online without prescription this results in a syndrome called leaky gut. yeasts are not the only possible cause of this syndrome purchasing clomid online in fact, i con-tend that poisons that kill small organisms in small doses buy antibiotics online without prescription this as yet revolutionary drug stops the yeast overgrowth caused by all other antibiotics and is 100 percent safe to use get propecia online no prescription in addition, nystatin works with no side effects, though it can cause a pseudo sickness that patients often confuse with side effects buying doxycycline online yeasts are opportunistic organisms. this means that, as the intestinal bacteria die, yeasts thrive, especially when their dietary needs are met purchasing prednisone online in fact, i con-tend that poisons that kill small organisms in small doses
 michael kors tasche blau