Kweder: vegan fashion brand made in Sicilia, etica e glamour per un’impresa tutta femminile

4 maggio 2017

Materiali di altissima qualità, tratto distintivo del made in Italy d’eccellenza; maestranze siciliane, sinonimo di una lavorazione artigianale millenaria; produzione ecosostenibile, dalla scelta dei materiali, privi di derivati di origine animale, alla realizzazione del prodotto finito.

Sono solo alcuni dei tratti distintivi della Kweder, il nuovo marchio made in Sicilia destinato ad imporsi nel mercato della moda, del fashion e del glamour di ultimissima generazione. Giovane, fresco, dinamico e frizzante, ma sopratutto “Human and Animal Friendly”. Ed è quest’ultimo lo slogan prescelto dalle fondatrici del nuovo brand, Amira, Jamila e Naife Kweder, tre tenaci e volitive sorelle messinesi, di origini siriane.

Ambiziose e determinate, le sorelle Kweder hanno voluto e saputo coniugare l’innato amore per gli animali all’immensa, non comune, passione per la moda. Una scommessa per le tre giovani donne che hanno deciso di affrontare a testa alta e con risolutezza il soffocante labirinto della burocrazia italiana, perché Amira, Jamila e Naife dalla Sicilia non vogliono scappare e in questa terra vogliono continuare a vivere e a lavorare. 

Così, con lo spirito di chi non si arrende e lotta ogni giorno per realizzare i propri sogni, tra la fine del 2016 e gli inizi del 2017, nasce il marchio Kweder. Un progetto innovativo, dal deciso e inconfondibile piglio rosa, forgiato al sole della terra siciliana, totalmente ecosostenibile, perché ethical, vegan e crueltyfree.

La prima collezione di scarpe e borse primavera-estate 2017, dall’evocativo nome “La Sicilia prêt à porter”, che è possibile visitare navigando sul sito www.kweder.net, è originale, fresca, frizzante, travolgente e si ispira ai colori e ai sapori della Sicilia e nella quale è possibile cogliere l’essenza stessa dell’eclettica anima siciliana: sensuale e misteriosa, ricca di tradizioni e contraddizioni, aspra, generosa e accogliente.

Un debutto sul mercato destinato a distinguersi nella produzione di accessori moda; perché scarpe e borse rappresentano la quinta essenza della femminilità, un must di indiscusso appeal per ogni donna che vuole essere glamour. Accostamenti audaci e uno stile non convenzionale veicolano e alimentano la potenza visiva, emozionale e tattile di una collezione inebriante, come il fresco profumo delle zagare. Un fascino, quello della declinazione creativa delle sorelle Kweder, di fronte al quale non si può rimanere indifferenti.

“Vogliamo lanciare un messaggio chiaro: la moda è un inno alla bellezza – spiegano le tre sorelle imprenditrici –  una bellezza che non può non esprimersi nel totale rispetto del mondo nel quale viviamo, a tutela della biodiversità”.

Imprenditoria partecipata e riscoperta di arti e antichi mestieri caratteristici della tradizione italiana sono tra i capisaldi della marchio Kweder. “Abbiamo scelto di puntare sulle realtà autoctone nell’ottica della valorizzazione e della trasmissione del nostro patrimonio culturale – proseguono Amira, Jamila e Naife –  siamo convinte che sia possibile creare bellezza ed eleganza esaltando tradizioni millenarie, grazie a un’innovazione in grado di preservare la natura. Per questa ragione che abbiamo scelto di utilizzare materiali privi di derivati animali, perché la nostra produzione vive in empatia e in armonia con l’ambiente. Il nostro obiettivo – aggiungono – è quello di far maturare una visione etica del bello, secondo la quale eleganza, qualità e tutela degli animali diventano trinomio di qualità superiore”.

Filosofia vegan, dunque, per una tangibile riduzione dell’inquinamento nelle attività di produzione: “Puntiamo a una produzione scandita da scelte consapevoli – rivendicano le neoimprenditrici –  scelte in grado di supportare un sostanziale miglioramento della qualità della vita. Pensare sostenibile significa ridurre significativamente l’impatto ambientale dalle logiche di produzione, perché ogni risorsa è unica e preziosa e il nostro marchio sarà il portavoce di una visione veganlifestyle per accessori moda di elevata qualità ”.

Leggi anche:  Criminalità e agroalimentare. La mafia a tavola vale tredici miliardi


Commenti

La colonna infame