Miccichè riceve l’ambasciatore Riyaz: “Pronti a divulgare la cultura pakistana”

Miccichè riceve l’ambasciatore Riyaz: “Pronti a divulgare la cultura pakistana”
19 febbraio 2019

“Vogliamo contribuire alla conoscenza nel mondo del Pakistan, uno Stato giovane, ma con una cultura millenaria. Palazzo dei Normanni, che nei secoli ha visto convivere pacificamente cristiani e musulmani, è a disposizione per l’organizzazione, per esempio, di un festival del cinema pakistano, di una mostra o una rassegna musicale”.  Con queste parole il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè ha accolto in visita ufficiale, l’ambasciatore del Pakistan in Italia, Nedeem Riyaz. Il diplomatico, che era accompagnato dal console onorario, Angelo Tagliavia, ha accettato di buon grado la proposta del presidente Miccichè.

“La ringrazio per la sua volontà di collaborazione – ha risposto l’ambasciatore pakistano –. Penso che potremo organizzare una mostra d’arte di artigianato, anche ad aprile”. I campi della collaborazione potrebbero essere estesi al turismo, istruzione e archeologia

Miccichè ha accolto in visita ufficiale, l’ambasciatore del Pakistan in Italia, Nedeem Riyaz. Il diplomatico, che era accompagnato dal console onorario, Angelo Tagliavia, ha accettato di buon grado la proposta del presidente Miccichè.

“La ringrazio per la sua volontà di collaborazione – ha risposto l’ambasciatore pakistano –. Penso che potremo organizzare una mostra d’arte di artigianato, anche ad aprile”. I campi della collaborazione potrebbero essere estesi al turismo, istruzione e archeologia

Leggi anche:  Tagli ai regionali. Dopo la Finanziaria, l'attacco della Cisl: "Leotta incapace, si dimetta"


Leggi anche

Commenti

Leggi anche:  Sicilia, la Corte dei Conti: "Abbiamo i più alti costi della politica al mondo". E non solo...




Leggi anche:  Emergenza rifiuti in Sicilia, nuova lite Faraone - Crocetta

www.ShopRicambiAuto24.it

Leggi anche:  Piano Giovani Sicilia, Marziano assicura: "Nessun euro distolto". Ma invece...

Succede




Leggi anche:  Emergenza rifiuti in Sicilia, nuova lite Faraone - Crocetta