Il Ministero dell’Interno cerca un addetto stampa per i Vigili del fuoco. Gratis

Il Ministero dell’Interno cerca un addetto stampa per i Vigili del fuoco. Gratis
23 marzo 2017

I Vigili del Fuoco cercano un addetto stampa. L’incarico però è a titolo gratuito. L’incredibile bando è stato pubblicato dal Ministero dell’Interno, e il titolo è già molto chiaro: “Procedura comparativa per il conferimento a titolo gratuito di incarico di prestazione di lavoro autonomo occasionale per lo svolgimento delle attività di comunicazione per il Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile – Scadenza termine 5 aprile 2017 ore 12.00″.

Insomma, bisogna curare l’attività nazionale di comunicazione dei Vigili del Fuoco, proprio di tutto il dipartimento, ma bisogna farlo assolutamente gratis.

E’ l’ennesima occasione in cui si dimostra che, davvero, il lavoro del giornalista non vale nulla. Il bando si può leggere cliccando qui.

A rendere ancora più amaro il tutto è che chi vuole partecipare deve essere in grado di “fornire un supporto tecnico di alto contenuto specialistico nelle attività e nei processi finalizzati alla comunicazione e all’informazione pubblica istituzionale”. Ma sempre gratis. E infatti mica deve essere un giornalista qualsiasi, ma “un giornalista iscritto all’elenco dei giornalisti professionisti con pluriennale e consolidata competenza nell’ambito delle pubbliche istituzioni per lo svolgimento, in accordo con l’Ufficio Stampa del Ministro, della complessa attività di comunicazione presso questo Dipartimento“.

Tantissime le cose da fare. Tra queste, anche l’ “individuazione ed adozione delle forme innovative di comunicazione che aumentino l’efficacia e la trasparenza nei confronti dell’utenza, sia attraverso le pagine web, sia attraverso la realizzazione di prodotti video-documentali”. Insomma, deve fare, sempre gratuitamente anche da sviluppatore di contenuti per il web ma da regista di video da mettere in rete. L’incarico avrà durata un anno, e non potrà essere rinnovato. Metti caso che uno ci prende pure piacere. Tanto, è gratis…

Leggi anche:  Banda ultralarga in Sicilia, realizzato il 40% degli interventi


Commenti

La colonna infame