Ospedale di Petralia, da dicembre a rischio le emergenze ostetriche

Ospedale di Petralia, da dicembre a rischio le emergenze ostetriche
29 novembre 2018

“Gli abitanti delle Madonie non sono cittadini di serie B, all’ospedale “Madonna dell’Alto” di Petralia  va garantito quantomeno un servizio h 24 per le emergenze di ostetricia e ginecologia”. Lo chiedono all’assessore alla salute Razza i deputati regionali del M5S, componenti della commissione salute dell’Ars (Salvatore Siragusa, Francesco Cappello, Antonio De Luca e Giorgio Pasqua).

“Una nota dell’ASP di Palermo – afferma Siragusa –  comunica che dal primo dicembre non potranno essere assicurate le emergenze ostetriche. Piove sul bagnato per un’area geografica dove, anche a cause delle strade disastrate, certi servizi sono fondamentali. Non solo, si va profilando pure l’avvio di un piano operativo invernale che garantirebbe l’assistenza ginecologica e pediatrica a singhiozzo per 12 ore fino al venerdì e per 4 ore il solo sabato. Siamo alla follia, pensare che il diritto alla salute sia legato a giorni ed orari della settimana, alle condizioni delle strade o peggio ancora a quelle climatiche è una cosa che non possiamo accettare”. 

“Comprendiamo – continua Siragusa – le esigenze della nuova rete ospedaliera, ma si devono sempre tenere presente le esigenze minime di un territorio che rischia di essere abbandonato a se stesso. E ciò è inaccettabile”

Leggi anche:  Mobilità. 7.000 insegnanti trasferiti o in attesa di essere traferiti dalla Sicilia al centro nord


Leggi anche

Commenti

Leggi anche:  Il vino siciliano tenta la via della Cina. Quattro milioni di euro per la promozione

Leggi anche:  Il vino siciliano tenta la via della Cina. Quattro milioni di euro per la promozione

www.ShopRicambiAuto24.it

Leggi anche:  Usura, Eurispes: giro d'affari di 82 miliardi. Sicilia tra le aree più esposte

Succede

Leggi anche:  Agroalimentare. Le eccellenze siciliane sulla tavola di Expo Milano 2015