Ragusa, commercialisti e imprese: “Serve maggiore dialogo”

Ragusa, commercialisti e imprese: “Serve maggiore dialogo”
6 giugno 2013

RAGUSA – Capita sempre più spesso che tra il mondo delle imprese e gli istituti di credito ci sia una difficoltà di dialogo. Che si traduce, poi, nella mancata erogazione delle risorse richieste a sostegno di chi ne ha bisogno per sviluppare il proprio business. E ciò accade perché da un lato le aspettative delle banche non sono all’altezza della situazione, anche solo per il fatto che le imprese non comunicano agli istituti di credito le informazioni che questi ultimi vorrebbero ricevere. Dall’altro succede che le difficoltà finanziarie e commerciali delle imprese vanno a ripercuotersi su un sistema già fortemente provato dalla crisi.

Per cercare di fluidificare questi canali, facendo in modo che i rapporti tra due mondi comunque interdipendenti possano migliorare, si è tenuto questa mattina a Ragusa un seminario informativo sul tema “Consolidare e crescere. Strumenti per le imprese: rating esterni e finanza agevolata”. L’incontro è stato promosso in collaborazione tra Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Ragusa e Modica e Confindustria Ragusa con il supporto di Irfis, Banca Nuova, Crif Credit Rating Agency e Golden Group.

L’occasione è stata utile anche per presentare nuovi canali e strumenti utili a supportare i processi di crescita e di innovazione oltre che a consolidare le attività in esercizio. “L’occasione di oggi – dice il segretario dell’Ordine, Paolo Mollura – è stata utile, grazie al supporto che ci è arrivato da Confindustria Ragusa rappresentata stamani dal direttore Giusi Migliorisi, per proseguire nell’azione di supporto alle piccole e medie imprese che il nuovo corso impresso dall’Ordine sta cercando di delineare ancora meglio. Possiamo altresì evidenziare che l’Ordine sta cercando di portare avanti anche a Ragusa i contenuti del protocollo nazionale con Unioncamere e Abi che contempla la creazione della figura dell’attestatore. In seno alla Camera di commercio si sta creando una lista di professionisti che dovranno essere organizzati per attestare i bilanci che le imprese presentano alle banche.

Gli istituti di credito, dal canto loro, si impegneranno a fornire un percorso preferenziale per l’erogazione di eventuali prestiti”. Aggiunge Paolo Battaglia, presidente della commissione Consulenza aziendale in seno all’Ordine: “Il rapporto che hanno le banche nei confronti delle imprese è cambiato nel tempo. E’ chiaro che gli istituti di credito hanno tutto l’interesse ad erogare prestiti ma se poi questi ultimi non rientrano o non vengono corrisposti nei tempi previsti si vengono a creare dinamiche rispetto alle quali il sistema economico va in forte affanno.

Leggi anche:  Credito alle imprese in Sicilia, è record

Abbiamo cercato di capire se esiste un modo per fare sì che queste difficoltà possano essere superate utilizzando anche gli strumenti che consentano alle imprese di affrontare la crisi nel modo migliore”. All’incontro hanno partecipato il direttore generale di Banca Nuova, Umberto Seretti, il direttore di Banca d’Italia Ragusa, Mario Coco, il direttore commerciale Golden Group, Andrea Bordin, il responsabile dell’area operativa dell’Irfis, Patrizia Milito, il senior business consultant Crif Credit Rating Agency, Valeria Ricciardi, il chief operation officer Golden Group Stefano Caselli.



Commenti

La colonna infame