Regione rimodula Fesr: 200 milioni in più alle imprese per favorire gli investimenti

Regione rimodula Fesr: 200 milioni in più alle imprese per favorire gli investimenti
18 luglio 2018

Il Governo Musumeci ha deciso di rimodulare il Fondo europeo di sviluppo regionale 2014/2020. Lo schema di modifica dell’Obiettivo tematico 3 del Programma, predisposto dall’assessore alle Attività produttive, Mimmo Turano, punta a finanziare il maggior numero di progetti, con l’intento di innescare una dinamica positiva nel tessuto economico e produttivo siciliano, oltre a conseguire una maggiore spesa certificabile a fine anno. Grazie alla rimodulazione adesso a disposizione ci sono circa 317 milioni di euro.

La variazione delle dotazioni per ogni singola ‘azione’ non è un semplice spostamento di risorse, ma risponde secondo il presidente della Regione Nello Musumeci a una strategia ben precisa. “Tutti gli indicatori economici – spiega il governatore – ci dicono che le ferite della grande crisi restano profonde soprattutto per la Sicilia e il suo tessuto imprenditoriale. Ecco perché siamo convinti sia necessaria una politica di accompagnamento e di investimento, specialmente nell’innovazione, a favore di coloro che, pur avendo tutte le carte in regola, rischiano di fronte alle nuove e insidiose sfide del mercato”.

Nello specifico, la rimodulazione dei fondi prevede una dotazione aggiuntiva di cinquanta milioni di euro per le imprese che investono nell’upgrade tecnologico, nell’installazione di nuovi stabilimenti, nella diversificazione della produzione e nell’ampliamento di prodotti e servizi. Cento milioni di euro in più per gli interventi di supporto alla nascita di nuove imprese, prevalentemente negli ambiti tematici identificati dalla Strategia regionale dell’innovazione per la specializzazione intelligente. Quasi quarantasette milioni di euro saranno, invece, destinati alla realizzazione di progetti d’investimento, in regime di de minimis, per favorire la nascita di piccole aziende.

A dettare il nuovo schema degli interventi non sono solo le tendenze macroeconomiche, ma anche le esigenze territoriali. “Con questo nuovo schema – spiega l’assessore Mimmo Turano – ci siamo messi all’ascolto delle esigenze dei nostri imprenditori, abbiamo infatti calibrato la rimodulazione dei fondi in base alle istanze pervenute e quindi al ‘successo’ tra le imprese di ogni azione. In questa maniera, sull’azione 3.1.1.02 (Aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili, e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale) portando la dotazione complessiva a centoventi milioni di euro potremo finanziare circa 180 progetti. Sull’azione 3.5.1.0.1 (Interventi di supporto alla nascita di nuove imprese sia attraverso incentivi diretti, sia attraverso l’offerta di servizi, sia attraverso interventi di microfinanza – Aiuti alle imprese in fase di avviamento) con l’aumento delle risorse fino a centotrenta milioni saremo in grado di finanziare circa 280 istanze. Infine sull’azione 3.5.1.02 (Interventi di supporto alla nascita di nuove imprese, sia attraverso incentivi diretti, sia attraverso l’offerta di servizi, sia interventi di micro finanza) con una dotazione complessiva di quasi 67 milioni di euro potrebbero addirittura essere finanziate tutte le istanze ammissibili”.

Leggi anche:  Efficenza della pubblica amministrazione, Sicilia agli ultimi posti

“Finalmente un cambio di rotta nella velocità di spesa dei fondi Fesr in Sicilia. Gli ultimi provvedimenti elaborati dal governo Musumeci sono la dimostrazione di quanto da mesi diciamo, cioè che la Regione rischia seriamente di perdere decine di milioni di euro già a fine 2018 per effetto del disimpegno automatico e addirittura perdere anche la riserva di efficacia da 273 milioni di euro”. Da Bruxelles, l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle Ignazio Corrao commenta così le annunciate modifiche al FESR il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale su attività produttive e programmazione dei fondi europei da parte del governo regionale. “I provvedimenti di rimodulazione che rimpinguano le graduatorie dei click Day – spiega Corrao – dimostrano anche che ci sono stati gravi errori di programmazione iniziale, con misure sulla carta interessanti ma che si sono rivelate assolutamente fallimentari e ingestibili da parte di un’amministrazione ingessata e spesso non all’altezza delle aspettative. Chiedo a Musumeci però che questa corsa ossessiva alla spesa – conclude Corrao – non si trasformi in contributi inutili senza risultati, ma in spese di qualità”.



Leggi anche

Commenti

Leggi anche:  La Trattativa, il sistema mediatico, i servi sciocchi delle Procure

Leggi anche:  Aeropoorto di Trapani, ultimo appello per Ryanair: "Accordo a rischio"

www.ShopRicambiAuto24.it

Leggi anche:  Il Pd sceglie Catania per la Festa Nazionale dell'Unità 2016

Succede

Leggi anche:  Efficenza della pubblica amministrazione, Sicilia agli ultimi posti