Regolamento IRCA, Fi: “Penalizzate le sedi di Messina e Agrigento”

Regolamento IRCA, Fi: “Penalizzate le sedi di Messina e Agrigento”
11 dicembre 2018

CRIAS e IRCAC sono stati accorpati in un unico soggetto: l’Istituto Regionale per il Credito Agevolato (IRCA). Con un’interrogazione a firma degli onorevoli Tommaso Calderone – primo firmatario – Riccardo Gallo e Francesco De Domenico, si chiede al Governo il motivo per il quale, nel nuovo regolamento di attuazione dell’IRCA, ora al vaglio della Commissione Attività produttive e della Commissione Bilancio all’ARS, ci siano forti penalizzazioni per le province di Messina e Agrigento.

Di fatto, in tale struttura normativa è prevista la sospensione delle sedi amministrative di Messina e Agrigento lasciando aperte solo quelle di Palermo e Catania.

“Con tale interrogazione vorrei comprendere il motivo di tale decisione, fermo restando che la sola sede operativa della CRIAS di Messina, con ben 485 finanziamenti concessi nel 2018, rappresenta più della metà delle richieste di finanziamento esitate dalla somma delle province di Catania, Siracusa, Ragusa ed Enna” – commenta Tommaso Calderone del Gruppo Parlamentare di Forza Italia all’Assemblea Regionale Siciliana.

“In funzione di un’azione di Governo che mira alla riforma del settore del credito agevolato – conclude il Parlamentare – e considerata la portata economica che rappresenta il solo comprensorio di Messina, chiedo se è prevista una norma che modifica la soppressione della sede messinese, a tutela delle molteplici imprese che sarebbero inevitabilmente penalizzate”. 

Leggi anche:  Politica, sondaggio Demopolis: in Sicilia i Grillini al 37%, i Dem al 20%


Leggi anche

Commenti

Leggi anche:  Finanziaria all'Ars, è il giorno della verità. Dai precari ai consorzi, le ultime novità

Leggi anche:  Ardizzone: "Crocetta in ritardo su bilancio e finanziaria"

www.ShopRicambiAuto24.it

Leggi anche:  Regione, sindacati all'attacco: "Se non si cambia rotta andremo a sbattere"

Succede

Leggi anche:  Regione, sindacati all'attacco: "Se non si cambia rotta andremo a sbattere"