Giovani di Confindustria: “Sì alle autonomie ma si dia dignità allo Statuto”

Giovani di Confindustria: “Sì alle autonomie ma si dia dignità allo Statuto”
24 luglio 2019

I Giovani imprenditori siciliani di Confindustria guardano con estremo interesse al processo in corso sul regionalismo differenziato, cogliendone un’occasione per il rafforzamento della competitività dei territori, “a patto che – afferma il presidente Gero La Rocca – vengano definiti, nel rispetto dell’unità nazionale, parametri chiari con clausole di supremazia su materie strategiche per l’economia che hanno un impatto sull’intero sistema-Paese, a partire dalle grandi reti, le fonti di energia, le infrastrutture e, soprattutto, si dia finalmente dignità allo Statuto siciliano”.  “L’autonomia – aggiunge La Rocca – può essere considerata come una modalità di coinvolgimento dei diversi livelli di governo nella formazione delle politiche pubbliche e nell’esercizio più efficiente delle competenze, ma occorre agire con buon senso assicurando il principio di equità, scongiurando incrementi della pressione fiscale e, quanto alle risorse, auspicando un sistema di premi e sanzioni capace di coniugare efficienza, solidarietà e perequazione a tutela del Mezzogiorno e, nello specifico, della Sicilia”.

L’autonomia rafforzata può essere una sfida per il futuro dell’Italia. “Per questo – commenta il presidente dei Giovani imprenditori della Sicilia – l’auspicio è che il processo decisionale sia trasparente e allargato, condizioni che possono essere assicurate da un ruolo attivo di compartecipazione e vigilanza del Parlamento, garante del pluralismo istituzionale e sociale, e da un dibattito aperto alle rappresentanze degli interessi”.

Leggi anche:  Caso Helg. Si allarga l'inchiesta sulla corruzione all'aeroporto di Palermo

Un sì al decentramento quindi, se questo è utile a garantire una maggiore efficienza del sistema Paese ma, aggiunge La Rocca, “senza tralasciare il tema dell’Autonomia siciliana così ‘speciale’ e così clamorosamente tradita nel tempo. È il momento di portare avanti un confronto capace di restituire la dignità che costituzionalmente spetta alla Sicilia, nell’interesse del futuro che meritano le giovani generazioni”.



Leggi anche

Commenti

Leggi anche:  Antenna Sicilia chiude. Rifiutate tutte le mediazioni da Ciancio, 16 giornalisti licenziati

Leggi anche:  Antimafia, tra ambiguità e doppiezze: parlano Bindi e Lo Voi

www.ShopRicambiAuto24.it

Leggi anche:  Antenna Sicilia chiude. Rifiutate tutte le mediazioni da Ciancio, 16 giornalisti licenziati

Succede

Leggi anche:  Opportunità di business in Ungheria, un forum a Sicindustria