Sicilia regione più povera d’Europa, quasi il 42% dei siciliani a rischio

Sicilia regione più povera d’Europa, quasi il 42% dei siciliani a rischio
15 giugno 2018

Quasi il 42 % dei siciliani è a rischio povertà. Il dato, il più elevato a livello europeo, fotografa una realtà drammatica nell’isola anche sulle prospettiva future: un terzo dei giovani tra 15-24 anni (il 31,9%) non studia né lavora e una bimba nata in Sicilia nel 2016 ha una speranza di vita di due-tre anni in meno di una bambina nata altrove. Gli strumenti per contrastare questo fenomeno sociale ed economico di gravità assoluta ci sono ma non vengono utilizzati correttamente.

A lanciare l’allarme l’Alleanza contro la povertà, la rete territoriale composta da 20 soggetti, nata per sostenere l’attuazione del Rei, la misura nazionale di contrasto alla povertà e proporre strategie di inclusione sociale alle istituzioni. “Abbiamo chiesto un incontro al presidente della Regione siciliana Nello Musumeci e all’assessore al ramo, Mariella Ippolito – afferma Rosanna Laplaca referente dell’Alleanza contro la povertà Sicilia e componente della segreteria della Cisl Sicilia – per sensibilizzare il governo regionale sulla necessità di avviare prima possibile un confronto e giungere alla costituzione della rete di protezione ed inclusione sociale della Sicilia. Senza questo primo step, non si può definire il piano regionale per gli interventi e i servizi sociali di contrasto alla povertà”.

L’Alleanza contro la povertà Sicilia, a partire dal 19 sino al 28 giugno, ha programmato un ciclo di seminari formativi sul Reddito di inclusione.“Intendiamo riunire tutti i 20 soggetti che fanno parte della rete territoriale – dichiara Rosanna Laplaca – per approfondire le norme e condividere i percorsi da attuare per una vera ristrutturazione del welfare sociale. Non è una sfida semplice ridurre il tasso di povertà nell’isola, ma con gli strumenti opportuni non è neanche una missione impossibile”.



Leggi anche

Commenti