Spese pazze all’Ars, condannato in appello l’ex deputato Bufardeci

Spese pazze all’Ars, condannato in appello l’ex deputato Bufardeci
18 maggio 2017

Dovrà restituire 59 mila euro, in primo grado erano 65 mila. I giudici dell’appello della Corte dei Conti presieduta da Giovanni Coppola hanno condannato Giambattista Bufardeci al pagamento di 59 mila euro per le spese del gruppo parlamentare “Grande Sud” dell’Assemblea regionale siciliana (Ars), ritenute dal collegio utilizzate per finalità non istituzionali.

Bufardeci aveva ricoperto l’incarico di presidente del gruppo dal 16 febbraio 2011 al 4 dicembre 2012. L’esponente politico del centrodestra era stato condannato in primo grado dai giudici contabili a restituire all’Ars 65 mila euro (la richiesta della procura era di 71 mila euro) ma in secondo grado è arrivato uno sconto.

All’ex presidente vengono contestate le spese di rimborso per missioni, alberghi, ristoranti e taxi”; rimborsi agli onorevoli Michele Cimino, Carmelo Incardona e Franco Mineo, e consumazioni al bar-buvette dell’Ars.

 

Leggi anche:  Finanziaria, mano tesa dall' Ars a Crocetta: "In settimana completiamo il bilancio"


Commenti

La colonna infame