Terremoto, dichiarato lo stato di emergenza per i Comuni etnei

Terremoto, dichiarato lo stato di emergenza per i Comuni etnei
29 dicembre 2018

Via libera del Consiglio dei ministri alla dichiarazione dello stato di emergenza, per 12 mesi, per il terremoto che ha colpito l’Etna, in particolare il territorio dei comuni di Aci Bonaccorsi, Aci Catena, Aci Sant’Antonio, Acireale, Milo, Santa Venerina, Trecastagni, Viagrande e Zafferana Etnea, in provincia di Catania, il 26 dicembre.

Il Cdm ha deciso anche che per l’avvio delle prime attività di soccorso e assistenza alle popolazioni colpite per le quali sono stati stanziati 10 milioni di euro, a valere sul Fondo per le emergenze nazionali. “Il Governo ha dato risposta immediata per #Catania”, ha scritto il premier Giuseppe Conte su Twitter subito dopo il Cdm: “Siamo vicini, in modo concreto, alle comunità colpite dal terremoto”.

Insieme alla deliberazione del Cdm, la Protezione civile ha emesso una specifica ordinanza per le misure urgenti che prevede un contributo massimo di 25.000 euro per la realizzazione degli interventi necessari a ripristinare in tempi rapidi le condizioni di agibilità degli immobili danneggiati non gravemente appartenenti ai nuclei familiari la cui abitazione principale sia stata sgomberata.

L’ordinanza, firmata dal Capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, contiene la misura predisposta “per la prima volta nella storia degli interventi emergenziali”. E in caso di immobili condominiali, è previsto anche un contributo massimo di euro 25.000 per il ripristino delle parti comuni dei fabbricati. L’ordinanza nomina Commissario delegato il Dirigente Generale del Dipartimento della Protezione Civile della Regione Siciliana, Calogero Foti e prevede la possibilità di chiedere la sospensione delle rate dei mutui e l’assegnazione di un contributo per l’autonoma sistemazione, che può raggiungere un massimo di 900 euro mensili. Nuclei familiari composti da una sola unità percepiscono 400 euro, quelli composti da due unità 500 euro, 700 euro quelli composti da tre unità, 800 euro quelli composti da quattro unità e 900 euro quelli composti da cinque o più unità. E’ possibile disporre di ulteriori 200 euro mensili se in famiglia ci sono persone con handicap o con invalidità non inferiore al 67% o persone con più di 65 anni.

Mentre sul territorio la situazione ha visto un bassa sismicità e un aumento degli sfollati che hanno lasciato la strada per andare in albergo, si è svolta a Roma la riunione della Commissione nazionale Grandi Rischi che ha fatto il punto sulla situazione: sebbene allo stato attuale, i dati analizzati mostrino una sensibile diminuzione dell’attività, “l’evoluzione di un fenomeno complesso, quale quello connesso all’attuale attività sismica ed eruttiva del sistema vulcanico etneo, è soggetta ad una elevata incertezza”.

La Commissione, riunita su richiesta del Capo Dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli, presieduta dal presidente Gabriele Scarascia Mugnozza, ha espresso “piena soddisfazione per la quantità e qualità dei dati illustrati, a dimostrazione dell’efficacia del sistema di monitoraggio del vulcano Etna”, rimarcando come le attività dei vulcani Stromboli ed Etna non siano legate in alcun modo, così come sono del tutto indipendenti dalle dinamiche di altri vulcani italiani quali Vesuvio e Campi Flegrei.

“A pochi giorni  dal sisma che ha colpito alcuni comuni del Catanese  arrivano già le prime risposte del governo nazionale, questo a testimonianza del fatto che l’esecutivo Conte è, e sarà sempre, vicino ai cittadini e che l’arrivo di Di Maio nei luoghi colpiti dal terremoto è stato tutt’altro che una passerella, come qualche frustrato politico ha cercato di far credere. Fossero state così  tutte le passerelle dei governi che ci hanno preceduti, sicuramente  in Italia avremmo meno baracche e più cittadini sereni”.

 Ad affermarlo sono il capogruppo MSS all’Ars, Francesco Cappello, e il deputato e vicepresidente dell’Ars Giancarlo Cancelleri  che, assieme ad una delegazione di parlamentari 5 Stelle a sala d’Ercole, hanno accompagnato nei giorni scorsi il vicepremier  e il capo della protezione civile Borrelli, a fare un sopralluogo nei comuni etnei colpiti dal terremoto dei giorni scorsi.

“Il governo Conte – dice  Cancelleri  – si è subito attivato per correre in soccorso delle popolazioni colpite e lo stanziamento di 10 milioni di euro per  le emergenze messi  a disposizione dei sindaci e  la pronta firma dell’ordinanza della protezione civile ne sono la tangibile, plastica dimostrazione. Quest’ordinanza, tra le altre cose, consente, a chi ha avuto danneggiata la casa in cui viveva,  di porre in essere interventi  immediati  fino a 25 mila euro, grazie ad un procedura semplificata e garantisce alle attività produttive un primo stanziamento fino a 25 mila euro”.

“Non possiamo – afferma Cappello – che esprimere soddisfazione per l’intervento dell’esecutivo, che ha tradotto in fatti  gli impegni presi,  e per la prontezza con cui ciò si è verificato.  Per quanto ci riguarda, noi continueremo a fare da tramite tra le popolazioni siciliane e il governo centrale per assecondare  tutte le esigenze che si prospetteranno nei  giorni a venire”.  



Leggi anche

Commenti