Un protocollo tra il Ministero dell'Ambiente e le Aree Marine Protette siciliane

Un protocollo tra il Ministero dell'Ambiente e le Aree Marine Protette siciliane
14 luglio 2016

“Un Protocollo d’Intesa per l’attuazione del progetto R.A.M.P.S., la Rete delle Aree Marine Protette Siciliane, con l’obiettivo di promuovere lo scambio di buone pratiche, ottimizzare e ridurre i costi progettuali e armonizzare le metodologie tra le AMP siciliane per renderle coerenti con le Direttive comunitarie sulla Strategia Marina”.

E’ quanto prevede l’accordo firmato tra il Ministero dell’Ambiente, la Regione Sicilia e i Presidenti delle Aree Marine Protette di  “Capo Gallo-Isola delle Femmine”, “Isola di Ustica”, “Isole dei Ciclopi, “Isole Egadi”, “Isole Pelagie” e “Plemmirio” a margine dell’incontro organizzato dalla Sottosegretaria all’Ambiente Silvia Velo con le Regioni Costiere per fare il punto sullo stato di attuazione Programmi di monitoraggio della Strategia Marina.

Il Protocollo firmato oggi – ha continuato la Sottosegretaria Velo – rappresenta la prima esperienza di sinergia tra Governo, Regione e Aree Marine Protette che permetterà alla Rete di poter realizzare interventi per la tutela dei fondali, la sostenibilità del turismo, garantire l’accessibilità e la fruibilità delle aree per i diversamente abili e valorizzare le risorse umane locali e le cooperative giovanili, con la possibilità – ha concluso la Sottosegretaria Velo – di poter accedere ai fondi della nuova programmazione comunitaria 2014/2020”.

 

Leggi anche:  Appalti, va sempre peggio: in sei anni le gare crollate dell'80%


Commenti

La colonna infame