Idee & Opinioni

Idee & Opinioni sulla politica, l’attualità, i fatti. Punti di vista a volte anche graffianti e controcorrente su tutto quanto accade in Sicilia e non solo

Letterina di Natale a Giuseppe Conte di un “bambino” di 65 anni
Idee & Opinioni

Letterina di Natale a Giuseppe Conte di un “bambino” di 65 anni

Carissimo Presidente Conte,   sono un “bambino” di sessantacinque anni e torno a riscriverle per l’ennesima volta, sperando in un suo cortese cenno di risposta. Almeno stavolta. Almeno una supercazzola da maestrino elementare, come ha fatto con l’altro bambino che le ha scritto, temendo un lockdown per Babbo Natale. Lei conosce la storia di Norman Zarcone? Be’, se non la conosce deleghi il suo ufficio stampa a cercare notizie, da parte mia le ho già raccontato tutto a più riprese. A settembre, in una delle mie innumerevoli missive, le avevo lanciato un guanto di sfida: venga a Palermo, incontri i giovani, gli amici di Norman, i tanti che si sono stretti attorno al suo nome e al suo gesto lacerante. Venga a Palermo - le avevo chiesto - e affrontiamo un discorso equilibrato col Primo cittadi...
Coronavirus, Sicilia in arancione: più medici sul territorio e meno forestali
Idee & Opinioni

Coronavirus, Sicilia in arancione: più medici sul territorio e meno forestali

L'inserimento della Sicilia nella zona arancione ai fini del contrasto alla diffusione del Coronavirus pone una serie di interrogativi. Ma uno in particolare diventa quasi un tarlo: c'è qualcosa che non sappiamo e che ha motivato la scelta del presidente del Consiglio e del ministro della Salute? Per essere più chiari: quali sono i motivi che hanno spinto il governo nazionale a inserire la Sicilia in zona arancione lasciando fuori regioni come la Campania che invece, all'apparenza, hanno una condizione epidemiologica peggiore della nostra? Sarebbe utile oggi, andando oltre la polemica politica,  dare una risposta a queste due semplici domande, con dati tecnici, analisi e spiegazioni. Perché capire le ragioni della scelta del governo ci aiuterebbe a comprendere meglio le nostre debolezze,  ...
Faraone “apre” il Pd e dentro trova solo macerie
Idee & Opinioni

Faraone “apre” il Pd e dentro trova solo macerie

Davide Faraone è stato nominato segretario regionale del Partito Democratico siciliano. Niente gazebo e soprattutto niente primarie. A causa del ritiro della sua avversaria, Teresa Piccione, la candidata dem vicina all'area Zingaretti, il senatore renziano è stato nominato direttamente dalla commissione regionale. Oggi Faraone, accompagnato dai sui sostenitori, ha aperto simbolicamente la sede di via Bentivegna, chiusa e senza dipendenti ormai da tempo a causa di problemi finanziari, e dentro ha trovato però macerie. Come ha scritto giustamente il collega Salvo Toscano su LiveSicilia, Faraone è un segretario senza partito. Il Pd infatti non ha una sede, non ha un tesseramento certificato (l'ultimo è del 2016), ha circoli territoriali o chiusi da anni o commissariati, e questo "Congres...
Il Pd è ormai un partito di sinistri
Idee & Opinioni

Il Pd è ormai un partito di sinistri

Ancora una volta il Pd siciliano mette in scena uno spettacolo indecoroso e indegno. La vicenda dei congressi provinciali mostra ciò che rimane di un partito, la parte peggiore di un aggregato di soggetti privi di idee ma pronti a tutto pur di occupare una poltrona, di ritagliarsi uno spazietto in una qualsiasi cadrega sicula. Non resta più nulla di un partito di sinistra ma c'è tutto di un partito di sinistri, e chi vuol capire capisca.  Nel momento in cui appare necessaria una riflessione sulla società siciliana, sulle dinamiche di cambiamento, sulle necessità delle classi più deboli il Pd siciliano trasforma i congressi in un risiko malsano e deprimente. Per avere una democrazia forte abbiamo bisogno di una opposizione forte e credibile e invece ci ritroviamo con una minoranza...
Il governo dello “sfiatamento”, la mutazione definitiva dei Cinque Stelle
Idee & Opinioni

Il governo dello “sfiatamento”, la mutazione definitiva dei Cinque Stelle

Il governo dello “sfiatamento” tra le forze populiste è realtà. Il mutamento di quello che era il Movimento Cinque Stelle è compiuto. E’, di fatto, Forza Italia 2.0. Come Forza Italia, nel 1994, fu un esperimento in laboratorio di Berlusconi e per costruire un partito di plastica che, con l’alibi di una “rivoluzione liberale”, prendesse in pugno l’Italia e gli italiani, così, oggi, quello che era il Movimento Cinque Stelle si rivela per il grande raggiro che è stato. Ci avevamo creduto in tanti, all’uno vale uno, all’allegro assemblearismo dei meetup, a certi mattoidi che avevamo conosciuto all’interno della rete di Grillo e che sembravano, al di là delle originalità, persone dalle idee valide. Nel tempo tutte le persone di una qualche intelligenza sono state allontanate, gli anticasta s...
Rifiuti, Bellolampo è al collasso ma Orlando fa lo splendido con i sindaci
Idee & Opinioni

Rifiuti, Bellolampo è al collasso ma Orlando fa lo splendido con i sindaci

Fa davvero ridere questa storia di Leoluca Orlando salvatore della patria. Il suo comunicato stampa sulla protesta dei 50 sindaci sembra quasi fantasioso. Da più di un mese ci stanno dicendo che la discarica di Bellolampo è al collasso, che rischia di chiudere a momenti. Ci hanno detto che è stata chiusa a 50 comuni perché non può assorbire i rifiuti degli altri. E lui ora fa lo splendido. Guardate cosa scrive:  "Ancora una volta si conferma che la discarica di Bellolampo, grazie al lavoro svolto in questi anni dal Comune di Palermo e dalla Rap, è l’unico impianto pubblico in Sicilia che può venire incontro alle necessità di tanti Comuni per sopperire a carenze politiche e gestionali che la Regione ha manifestato con il precedente governo. Bellolampo, ancora una volta, con il suo TMB, verr...
Lettera a Luigi Genovese, figlio di Francantonio, candidato all’Ars con Forza Italia
Idee & Opinioni, Politica & retroscena

Lettera a Luigi Genovese, figlio di Francantonio, candidato all’Ars con Forza Italia

Luigi Genovese, figlio di Francantonio, mi scusi se mi rivolgo a lei come se fosse un personaggio di qualche saga nordica, o del Trono di Spade. Ma è impossibile chiamarla per nome, senza citare il genitore. Non ce la faccio. Lei ha 21 anni, ed  è un figlio di papà. Non è offensivo dirlo nel suo caso, perché lei ha un padre, nel bene e nel male, famosissimo. Raìs della politica e della formazione a Messina, sindaco di centrosinistra, primo segretario regionale del Pd grazie a Veltroni, poi passato a Forza Italia. Nel frattempo viene indagato per peculato e truffa, finisce in carcere, è condannato in primo grado a 11 anni. Nel 2012, alle ultime regionali,  ha fatto eleggere suo zio, deputato regionale, Franco Rinaldi, anche lui condannato. Adesso mette in mostra il pezzo pregiato della fam...
E Sgarbi lanciò la pornopolitica
Idee & Opinioni, Notizie dalla Sicilia

E Sgarbi lanciò la pornopolitica

Se ne sentiva proprio la mancanza. In effetti tutto sembrava così scontato, ovvio e dunque noioso. E così l’analisi freudiana, cossighiana di Vittorio Sgarbi ha portato un po’ di spettacolo in questa triste e stantia campagna elettorale  per le elezioni regionali in Sicilia. Abbiamo assistito a un’altra categoria: quella della pornopolitica. Perché la gente, almeno questo si capisce dalle parole di Sgarbi, non vota il più bravo, il più competente, il migliore amministratore ma vota chi va a letto più tardi, il più affascinante, il più attraente. La politica è eccitazione, pruderie, voyerismo, scambio di amorosi sensi. Altro che futuro possibile per i nostri giovani, progetti di sviluppo, interessi collettivi da tutelare, programmi e così via.  Quello che serve da oggi in poi è una bella ca...
Green, Blue Economy ed Economia Circolare un’opportunità per rilanciare i Distretti in Africa
Idee & Opinioni

Green, Blue Economy ed Economia Circolare un’opportunità per rilanciare i Distretti in Africa

I maggiori esponenti italiani della politica, da Taiani a Renzi, da Minniti e Di Maio ad Alfano, concordano su una cosa: bisogna aiutare i migranti a trovare lavoro e vita a casa loro, in Africa. Tutti riscoprono il Continente africano come terra ricca di risorse naturali, umane climatiche e con enormi potenzialità di sviluppo.   Per me che da molti anni giro per l'Africa per lavoro e per diporto ovviamente questa non rappresenta una novità. Anzi, insieme ad un folto gruppo di studiosi, economisti, giuristi, sociologi, scienziati del mare e della terra di varie nazionalità facenti parte dell'Osservatorio della Pesca del Mediterraneo, da oltre 10 anni abbiamo posto il tema Africa e Mediterraneo costantemente in agenda.   Mi permetto di fare una digressione. In fondo...
La Cassazione e Riina. Spieghiamo bene la vicenda…
Idee & Opinioni

La Cassazione e Riina. Spieghiamo bene la vicenda…

 Sui social non si parla d'altro, per ora: che schifo, che orrore, la Corte di Cassazione vuole liberare niente di meno che Totò Riina, il più sanguinario tra i mafiosi, il Capo dei Capi. In realtà le cose non stanno così. E se da un lato di fronte alla emotività che ormai spadroneggia sulla rete, trasformando tutto in slogan, possiamo davvero fare poco, stupisce che molti giornalisti, opinion leader "antimafia", abbiano distorto una notizia che è molto diversa. Quindi, spieghiamola bene.  La Cassazione (che, ricordiamolo, è un giudice di legittimità, controlla la corretta applicazione della legge, non libera mica le persone in galera...) intanto, si è limitata a rilevare un’insufficiente motivazione da parte dei giudice di sorveglianza di Bologna che aveva rigettato la proposta...
Dopo il G7 di Taormina, diciamocelo: la Sicilia ha vinto
Idee & Opinioni

Dopo il G7 di Taormina, diciamocelo: la Sicilia ha vinto

Diciamolo, una volta tanto, senza imbarazzo. Noi che siamo così bravi a piangerci addosso, e che diamo esempi quotidiani al mondo di sprechi, ruberie, furbizie malevole. A Taormina c'è stato il G7, questo fine settimana. E' andato maluccio un po' per tutti. Per la Sicilia, e per i siciliani, però, è stato un successo.  E insomma, la stampa mondiale, per una volta, si è accorta della nostra isola e ha raccontato, nella noia di un vertice che non aveva cosa raccontare (dato che i grandi della terra non hanno accordo praticamente sul nulla, dal terrorismo all'ambiente), la bellezza incantevole del nostro paesaggio.     Si, è vero, Taormina ha subito dei disagi, ma sono durati poco, e in cambio adesso si ritrova con due eliporti (buttali via), un teatro e un palazzo dei ...