Press "Enter" to skip to content

Guerra Ucraina: negli Usa la campagna di boicottaggio per la compagnia russa Lukoil

L’hashtag #BoycottLukoil ha iniziato a fare tendenza online non molto tempo dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina il 21 febbraio. L’idea è di impedire alle persone di riempire i serbatoi delle stazioni di servizio statunitensi che portano il nome di Lukoil, il gigante russo del petrolio e del gas.

Il problema è che la maggior parte delle 230 stazioni di servizio Lukoil negli Stati Uniti sono di proprietà di singoli affiliati americani, non del gigante petrolifero stesso. Quindi qualsiasi boicottaggio taglierà solo i margini di profitto già sottilissimi su cui fanno affidamento gli imprenditori statunitensi. “Le vendite al dettaglio di benzina sono una piccola parte delle entrate delle compagnie petrolifere”, ha affermato Tom Kloza, responsabile globale dell’analisi energetica presso IHS Markit, una società di ricerca. “Quando si confronta la loro produzione di greggio e il commercio di carichi e chiatte, è una piccola parte dei loro affari”.

Lukoil

Gli American Depository Receipts di Lukoil hanno infatti subito un duro colpo dall’invasione e ora vengono scambiati a $ 18, in calo di circa l’82% su base annua. erano scambiati a $ 90,77 il 1 ° febbraio. Ciò ha indubbiamente più a che fare con la geopolitica che con qualsiasi altra cosa.

La maggior parte delle stazioni a marchio Lukoil in America si trovano a New York, New Jersey e Pennsylvania. E i loro proprietari americani si guadagnano da vivere non solo vendendo petrolio e gas, ma lavando auto e gestendo un minimarket, ha affermato Jeff Lenard, vicepresidente della National Association of Convenience Stores.Lenard ha affermato che le attività di vendita al dettaglio di carburante sono particolarmente vulnerabili ai boicottaggi poiché non hanno molta flessibilità quando si tratta del marchio con cui operano. I proprietari delle stazioni generalmente devono firmare contratti a lungo termine con le compagnie petrolifere per ottenere quel marchio e l’accesso di cui hanno bisogno a petrolio e gas. Questi contratti di solito durano 10 anni e possono essere in vigore fino a 30 anni, afferma Lenard, rendendo quasi impossibile il passaggio a un altro marchio.

“Il boicottaggio di un negozio specifico a causa del marchio non influirà sulla compagnia petrolifera. Invece, i boicottaggi organizzati possono avere un effetto negativo significativo sul rivenditore locale che è bloccato in quel contratto a lungo termine”. disse Lenard.”C’è una vera passione da parte delle persone nel voler fare qualcosa [per protestare contro l’invasione della Russia], ma il problema è che questo potrebbe non raggiungere i loro obiettivi”, ha aggiunto.I proprietari delle stazioni sono stati duramente colpiti dalla pandemia, quando le vendite di carburante sono diminuite di quasi la metà poiché la domanda è crollata quando le persone sono rimaste a casa, ha detto Lenard. Anche i bassi prezzi dell’energia nel 2020 hanno esacerbato tale calo, riducendo ulteriormente i profitti di una stazione. In effetti, il margine di profitto medio sulle vendite di carburante nelle stazioni di servizio statunitensi è sceso al 10,2% nel 2021, in calo dal 16,2% nel 2020, secondo i dati di IHS Markit.

Anche il personale è una sfida, come lo è stato per i rivenditori di ogni tipo.”Con la carenza di manodopera quest’anno, anche gli stipendi più alti stanno mettendo sotto pressione quelle stazioni petrolifere locali”, ha detto Kloza.

Alla fine, i boicottaggi delle grandi compagnie petrolifere sono per lo più simbolici. “C’è stato un tempo in cui [l’ex presidente del Venezuala Hugo] Chavez era al potere. La gente ha organizzato boicottaggi contro Citgo. Ora, Citgo si sta muovendo bene”, ha detto Kloza.”La storia dei boicottaggi contro le compagnie petrolifere è una storia per lo più di fallimenti”, ha detto Kloza, “Le persone sono inclini a fare rifornimento dove è conveniente e dove il prezzo è giusto. E quando lo fanno mettono da parte la politica”. (Dalla Cnn)

Be First to Comment

Leave a Reply

%d bloggers like this: