Nucleare: depositi di scorie in Sicilia, la rivolta dei sindaci siciliani

I sindaci dei comuni nelle aree potenzialmente idonee per la costruzione del deposito nazionale nucleare (Trapani, Calatafimi-Segesta, Castellana Sicula, Petralia Sottana, Butera) dicono “no” a un’eventuale installazione nel loro territorio. Una delle aree comprenderebbe i comuni di Castellana Sicula e Petralia Sottana.

Ecco da dove arrivano i rifiuti radioattivii

“Sono rimasto di stucco e anche un po’ contrariato apprendendo la notizia. Ci lascia sgomenti: noi siamo anche sede dell’ente parco delle Madonie, da un lato si vuole la protezione della zona dall’altro si vogliono seppellire scorie nucleari”, dice il sindaco di Petralia Sottana (Pa) Leonardo Neglia. “Apprendo che il territorio di Butera è uno dei siti individuati come area potenzialmente idonea alla costruzione del deposito nucleare nazionale dai giornalisti. Naturalmente sono contrariato per il fatto che le istituzioni, e in questo caso il ministero dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente, abbiano tenuto massimo riserbo su questa cosa”, dice Filippo Balbo sindaco di Butera (CL). Il sindaco di Trapani Giacomo Tranchida aferma: “Apprendiamo che le campagne di Trapani saranno destinate a deposito di rifiuti radioattivi italiani. Sconosciamo l’argomento e la cosa ci preoccupa non poco perché in periodo di pandemia il governo richiama alla responsabilità sanitaria dei sindaci, tranne quando si ha l’esigenza, nemmeno informando la locale autorità sanitaria, di trovare silente una discarica? Non ci stiamo” .

“Ci opporremo con tutte le forze ad ogni ipotesi di ubicazione nel nostro territorio di un deposito nazionale dei rifiuti radioattivi” dice il sindaco di Castellana Sicula (Pa), Franco Calderaro. Lui e Neglia hanno comunicato in una nota che si opporranno all’iter per la creazione di depositi di rifiuti radioattivi nell’area di Vicaretto ricadente nei lor territori con il sostegno di tutti i sindaci e presidenti dei consigli dell’Unione Madonie.

Nucleare: Turano, questa mappa è una barzelletta 

“Quando ho letto delle ipotesi di siti di stoccaggio di rifiuti nucleari a Trapani, Calatafimi-Segesta, Castellana Sicula,  Petralia Sottana e Butera ho pensato ad uno scherzo di cattivo gusto. Purtroppo è solo l’ennesima barzelletta di un governo che ha poche e confuse idee sul futuro della nostra isola” lo afferma l’assessore alle Attività produttive della Regione Siciliana Mimmo Turano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.