Press "Enter" to skip to content

Posts published in “Politica & retroscena”

Sanità in Sicilia, Borsellino ritira le dimissioni. Sviluppi dei casi a Catania e Trapani

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

L’assessore regionale alla Sanità, Lucia Borsellino, potrebbe non dimettersi più.  Dopo i recenti ennesimi casi tragici della sanità siciliana, con due bambini morti a Trapani e Catania, continua comunque lo scontro a distanza fra il ministro Beatrice Lorenzin e il governatore Rosario Crocetta. 

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

I deputati dell'Ars del Movimento Cinque Stelle finanziano progetti di recupero urbano in Sicilia

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

  Dopo la costituzione del fondo di garanzia e l’erogazione del microcredito alle piccole aziende siciliane, per finanziamenti pari a 550 mila euro che provengono dalla restituzione di parte degli stipendi dei 14 deputati del Movimento 5 stelle dell’Assemblea regionale siciliana, i pentastellati siciliani hanno presentato una nuova iniziativa dal titolo “Boom polmoni urbani”.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Sicilia, sanità nella bufera. Lucia Borsellino annuncia le dimissioni

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

L’assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino, sarebbe pronta a dimettersi dopo la bufera abbattutasi sulla Sicilia per la morte di Nicole Di Pietro,la neonata di Catania deceduta per una crisi respiratoria su un’autoambulanza mentre veniva trasportata verso l’unico ospedale del comprensorio Catania-Siracusa-Ragusa che aveva un posto libero in terapia intensiva neonatale.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Crocetta gongola per la "ripresina" in Sicilia. Ars, nuove regole sulle spese dei gruppi

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

 I dati sono della sicilianissima Fondazione Res, li ha anche pubblicati Il Mattino di Sicilia qualche giorno fa. Solo che il Presidente della Regione, Rosario Crocetta, si confonde, e parla di “osservatori internazionali”, o, addirittura, di uno “studio del Sole 24 Ore”, in un articolo che lui ritaglia e manda a tutti.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Rifiuti in Sicilia. Scoppia un'altra grana. I sindaci: "Costi del personale troppo alti"

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Si arricchisce di un nuovo capitolo la telenovela della riforma del sistema di gestione dei rifiuti in Sicilia.
Gli Ato, che hanno prodotto un debito mostruoso (più di un miliardo di euro in totale), in un modo o nell’altro stanno per finire la loro esperienza. Adesso tocca alle nuove società, le Srr, che siccome non avranno autonomia gestionale e giuridica, non potranno assumere personale. Il personale che era negli Ato dovrà passare ai Comuni. E qui sta la magagna.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

In Sicilia un miliardo di euro non spesi per fogne e depurazione. L'ira di Renzi: "Inaccettabile"

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Allora ha ragione chi dice che i soldi per la Sicilia ci sono, ma sono spesi male o addirittura non spesi.  Nel 2012 sono stati stanziati  1,1 miliardi di euro alla Sicilia  per reti fognarie e depuratori : per un totale di 93 opere. Sono stati spesi solo 24 milioni.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});