A Palermo sbarcati 592 migranti, a Pozzallo arrestati due presunti scafisti

in No Comment
, , , Cronaca https://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2017/11/sbarchi-migranti-1024x586.jpg https://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2017/11/sbarchi-migranti-150x150.jpg il Mattino di Sicilia - Giornale della Sicilia 0 https://www.ilmattinodisicilia.it/a-palermo-sbarcati-592-migranti-a-pozzallo-arrestati-due-presunti-scafisti/#respond
288
Condividi

Sbarco di migranti al porto di Palermo, dove è giunta la nave militare spagnola ‘Numancia’ con a bordo 592 stranieri soccorsi nei giorni scorsi nel canale di Sicilia. Tra i migranti ci sono anche diverse donne, tra cui una in stato di gravidanza, e 40 minori. A coordinare la macchina dell’accoglienza la Prefettura, con personale del Comune, medici dell’Asp, personale della Caritas e della Croce Rossa.

Due presunti scafisti tunisini sono stati fermati dagli agenti della polizia di Stato nell’ambito delle indagini avviate in seguito allo sbarco di 296 migranti giunti venerdi’ scorso nel porto di Pozzallo, nel ragusano. In manette per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina sono finiti Haitem Dahman, di 35 anni, e Chahed Lassad, di 34 anni.

Uno di loro ha provato a eludere le indagini fingendo di essere partito dalla Tunisia insieme al figlio. Ma durante le attività d’investigazione, una donna della Costa d’Avorio si è avvicinata ad uno dei poliziotti per riferire che quel bambino, indicandolo, non era il figlio del tunisino. Con assoluta discrezione il bimbo è stato separato, con la scusa del gioco, dal presunto padre ed una volta lontano messo a suo agio cosi’ da raccontare la verità. Il bambino ha così raccontato di avere 12 anni e di non conoscere quel signore, dal quale era stato minacciato: “Devi dire che sei mio figlio altrimenti mi mandano di nuovo in Tunisia”.

Leggi anche:  Covid: 60mila tamponi rapidi nel weekend in Sicilia, 905 i positivi

Lo scafista avrebbe adottato questo sistema per eludere le indagini ed evitare il rimpatrio in Tunisia perché i minori non possono essere espulsi, sperando di potere restare in Italia con la scusa di essere il padre. Andato a monte il progetto, il minore e’ stato affidato ad una comunità mentre lo scafista è stato condotto in carcere e al termine della sua permanenza presso l’istituto di pena dovrà tornare in Tunisia

https://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2017/11/sbarchi-migranti-1024x586.jpg

0 thoughts on “A Palermo sbarcati 592 migranti, a Pozzallo arrestati due presunti scafisti”

Write a Reply or Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *