Confindustria, Gero La Rocca nuovo presidente giovani del Sud

in
Cronaca https://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2021/03/GERO-LA-ROCCA-2.jpg https://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2021/03/GERO-LA-ROCCA-2-150x150.jpg il Mattino di Sicilia -  Notizie dalla Sicilia 0 https://www.ilmattinodisicilia.it/confindustria-gero-la-rocca-giovani-sud/#respond
623

Gero La Rocca, leader dei Giovani imprenditori siciliani di Confindustria, è il nuovo presidente del Comitato Interregionale Mezzogiorno GI che raggruppa le rappresentanze regionali dei Giovani Imprenditori di Confindustria del Sud.

Classe 1982, agrigentino, laureato in Lettere e Filosofia, due master in Comunicazione e un percorso formativo presso l’Altascuola per i giovani imprenditori di Confindustria, La Rocca ha fondato insieme con il fratello Valerio, Ecoface, azienda che si occupa di valorizzazione dei materiali provenienti dalla raccolta differenziata e che sviluppa piani di marketing e comunicazione nell’ambito del settore della differenziata.

“L’idea che la ricostruzione economica e sociale post-pandemica del Paese debba avere come priorità la coesione e il rilancio del Mezzogiorno – afferma Gero La Rocca – sembra oggi condivisa dalle varie forze politiche. Dalle parole, però, occorre passare velocemente ai fatti. Se la tragica esperienza del Covid ha investito tutti, senza interventi adeguati i numeri ci prospettano strascichi sul medio e lungo termine più devastanti per il Sud. Donne e giovani stanno pagando un prezzo altissimo in termini occupazionali e le famiglie sotto la soglia di povertà aumentano in modo allarmante. Ciò di cui non abbiamo di certo bisogno è un refrain degli errori seguiti alla crisi del 2008, che ha visto le aree più deboli strutturalmente non recuperare il ritardo e, conseguentemente, la crisi economica trasformarsi in crisi sociale e demografica”.

“Per questo, la questione meridionale è oggi, come mai prima, una questione nazionale. Anzi, è la questione nazionale, perché senza il Sud qualsiasi piano di rilancio per il Paese sarà destinato a fallire. E a pagarne le conseguenze saremo proprio noi giovani, il cui futuro è stato già ampiamente ipotecato. Chiediamo quindi alle istituzioni di essere ascoltati come Giovani imprenditori del Mezzogiorno e confidiamo che, traendo spunto dagli orientamenti dell’Unione Europea, almeno il 50% delle risorse del Recovery plan sia impiegato per dotare le regioni del Sud degli strumenti indispensabili per competere (infrastrutture, digitalizzazione, formazione e politiche attive del lavoro) – afferma Gero La Rocca-. Siamo inoltre coscienti che il nodo non è legato solo al volume di risorse, ma soprattutto alla governance che avrà il compito di spenderle efficacemente e, anche in questo caso, il passato serve da lezione con i decenni di programmazioni destinate allo sviluppo e alla coesione che non hanno portato né sviluppo né coesione. Un fallimento palese delle classi dirigenti e burocratiche”.

Gero La Rocca: “Onorato di questo incarico”

“A questo punto chiediamo, prima che incentivi e risorse, quelle riforme che possano assicurare una ‘semplice’ normalità fatta di chiarezza delle norme, semplificazione, competenza ed efficienza nella pubblica amministrazione. Cose per le quali mi spenderò senza sosta – afferma Gero La Rocca -. Sono onorato di questo ruolo e ringrazio i colleghi presidenti del Mezzogiorno per la fiducia che hanno deciso di darmi e, in particolare, il presidente uscente, Gabriele Menotti Lippolis, per l’ottimo lavoro svolto fin qui e il presidente nazionale, Riccardo Di Stefano, per il supporto che ha sempre assicurato al Comitato del Mezzogiorno. La speranza è che il prossimo ottobre saremo nelle condizioni di tornare a organizzare uno degli appuntamenti più importanti e canonici per i Giovani di Confindustria, il Convegno di Capri durante il quale speriamo di poter parlare di fatti e non ancora di promesse”.

Gero La Rocca succede al pugliese Gabriele Menotti Lippolis che aggiunge “Lascio un gruppo unito e motivato. Passo volentieri il testimone al Presidente Gero La Rocca, in un momento delicato per la pandemia in atto, con la certezza che saprà portare avanti i temi, a noi particolarmente cari, che già nelle prime dichiarazioni ha opportunamente evidenziato e che richiedono determinazione, costanza e coraggio. Buon lavoro e continuerò a dare il mio contributo al Comitato del Mezzogiorno dei Giovani Imprenditori”.

Nell’occasione è stato nominato anche il nuovo Tesoriere del Comitato, Umberto Barreca Presidente GI Calabria.

https://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2021/03/GERO-LA-ROCCA-2.jpg