Coronavirus: boom di casi dopo le feste, zona rossa a San Fratello sui Nebrodi

Il Comune di San Fratello, in provincia di Messina, diventerà “zona rossa” da domani, giovedì 7 gennaio sino a giovedì 21 gennaio 2021. Lo prevede un’ordinanza (la n. 3 del 5 gennaio) del presidente della Regione Nello Musumeci che, d’intesa con l’assessore alla Salute Ruggero Razza, ha disposto l’adozione della misura contenitiva. Il provvedimento è stato varato – sentito il sindaco – considerata la gravità della situazione sanitaria al “fine di salvaguardare la salute pubblica”.


  E’ stata inoltre prorogata sino al 15 gennaio (compreso) l’ordinanza n. 64 del 10 dicembre 2020 contenente misure di contenimento relative ai soggetti che fanno ingresso nel territorio della Regione, misure aggiuntive di distanziamento interpersonale e il coinvolgimento dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta nella gestione dei pazienti Covid-19 positivi o sospetti tali.
Era stato il sindaco, Salvatore Sidoti Pinto, a chiedere ufficialmente al Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, di istituire la “zona rossa” nel Comune di San Fratello.

Leggi anche:  Bagheria, smantellato sistema di truffe a società di autonoleggio

Ieri sera, sulla pagina Facebook del comune di San Fratello, il sindaco Sidoti Pinto aveva scritto: “Pensavamo di superare questo momento critico da soli, ma non ci siamo riusciti. Si continuano a fare assembramenti, pranzi e cene conviviali con troppe persone, specie in campagna. Si fa poco per evitare di incontrare il nemico in agguato, questo maledetto virus che ha messo in ginocchio il mondo intero”.

Stamattina, nel dare la notizia dell’istituzione della zona rossa a partire dalla giornata di domani, il sindaco scrive, rassicurando i suoi concittadini: “è una situazione delicata in cui, state tranquilli, non sarete soli. L’amministrazione comunale sarà al vostro fianco per qualsiasi necessità. Non prendiamo questa ordinanza come un castigo, come qualcosa di brutto, servirà a liberare il nostro paese da questo nemico”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.