Piano regolatore di Catania, architetti e ingegneri chiedono dibattito concreto

Condividi

“Le polemiche che stanno montando in questi giorni in merito alla nota inviata all’Amministrazione di Catania dalla Regione Siciliana sulla necessità di predisporre il Piano Regolatore Generale del Comune, rischiano di spostare il dibattito esclusivamente sul piano politico, mettendo in ombra il dato più rilevante: ovvero che la città etnea attende da circa cinquant’anni l’adozione di un nuovo strumento urbanistico”.

Con queste parole si apre la nota congiunta di Santi Maria CasconeGiuseppe Scannella, rispettivamente presidenti degli Ordini di Ingegneri e Architetti di Catania.

“Le nostre categorie professionali – affermano – si sono adoperate spesso, com’è noto, nel tentativo di contribuire al superamento di una impasse che dura da tempo e che di certo non è imputabile direttamente agli amministratori che si sono alternati negli ultimi anni a Palazzo degli Elefanti. Per questo crediamo che riportare la questione sui temi concreti possa aiutare gli attori coinvolti e la città tutta, a intraprendere un percorso partecipato che conduca finalmente alla definizione dell’idea urbanistica che immaginiamo e vogliamo. Una necessità – concludono – che non può essere più rimandata poiché in gioco non c’è il consenso politico di una parte o di un’altra, ma il futuro della città e delle generazioni a venire”.

Leggi anche:  Al via anche a Palermo il Festival della Dottrina sociale

0 thoughts on “Piano regolatore di Catania, architetti e ingegneri chiedono dibattito concreto”

Write a Reply or Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *