Il prefetto di Palermo Antonello De Miro e 57 Comuni del capoluogo siciliano, hanno firmato i Patti per la sicurezza urbana che segna un punto di collaborazione interistituzionale Stato-ente locale, per elevare lo standard di sicurezza attraverso la realizzazione di impianti di videosorveglianza finanziati dallo Stato e le cui valutazioni progettuali saranno trasmesse al Ministero dell’interno per il tramite della prefettura.

La legge 48 del 2017 ha declinato, dice il prefetto, le misure e gli strumenti volti a rafforzare la sicurezza nelle città e nei centri urbani, disegnando la promozione e l’attuazione di un sistema unitario integrato per il benessere delle comunità territoriali. In tale quadro si collocano anche i patti tra prefetto e sindaci per la sicurezza urbana volti all’installazione di sistemi di videosorveglianza.

Leggi anche:  A Giuseppe Antoci il Premio Internazionale Nassirya per la Pace
https://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2018/06/sicurezza-urbana-palermo.pnghttps://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2018/06/sicurezza-urbana-palermo-150x150.pngredazioneProvince sicilianeAntonello De Miro,bagheria,Misilmeri,palermo,Partinico,Prefetto di Palermo,sicurezza urbana,termini Imerese,Villa Whitaker,Villabate
Il prefetto di Palermo Antonello De Miro e 57 Comuni del capoluogo siciliano, hanno firmato i Patti per la sicurezza urbana che segna un punto di collaborazione interistituzionale Stato-ente locale, per elevare lo standard di sicurezza attraverso la realizzazione di impianti di videosorveglianza finanziati dallo Stato e le cui...