Per Giorgio Assenza si tratta di “un paradosso burocratico cui bisogna porre subito rimedio”. Il deputato dell'Ars ha presentato un atto ispettivo urgente