Il procedimento ha disvelato interessi economici riferibili alla "famiglia mafiosa di Castelvetrano", guidata da Matteo Messina Denaro