Lo rivela uno studio condotto da ricercatori dell’Università degli Studi della Tuscia, insieme a Greenpeace Italia