Secondo l'Associazione bancaria italiana la quota sospesa che corrisponde a liquidità liberata da impiegare nelle attività aziendali è stata pari a 589 milioni