La storica villa palermitana è famosa perché Tomasi di Lampedusa si ispirò al nonno Giulio Fabrizio per tratteggiare l'indimenticabile Principe Fabrizio Salina, protagonista del suo romanzo