Press "Enter" to skip to content

Posts tagged as “Liberi consorzi di comuni”

Ex Province tornano al voto ma non saranno i cittadini a scegliere

Il 30 giugno cesserà la gestione commissariale delle ex Province siciliane. I nuovi Enti, chiamati Liberi Consorzi, dopo 5 anni di commissari, tornano al voto ma non saranno i cittadini a scegliere i rappresentanti. Infatti l’elezione non sarà di primo grado ma di secondo: saranno i rappresentanti eletti nei vari Comuni di appartenenza a rappresentare gli Enti.

“Così ha voluto il governo Crocetta, in linea con il governo Renzi – commenta su Facebook il presidente della Regione Nello Musumeci -. Ci siamo opposti con tutte le nostre forze a questo esproprio del diritto al voto dei cittadini, ma non c’è stato nulla da fare. Nel frattempo, dal 2013 il governo di Roma toglie alle Province dell’Isola oltre 200 milioni di euro l’anno (si chiama prelievo forzoso), costringendole di fatto alla paralisi se non al fallimento”.

“Nella trattativa col governo centrale – conclude Musumeci – abbiamo inserito anche il tema del futuro delle Province siciliane. Vi assicuro che non cederemo. Per il resto, potrà essere solo il parlamento nazionale a cambiare questa assurda legge, restituendo al popolo il diritto di eleggere il proprio presidente di Provincia e dando agli Enti la possibilità di tornare a essere attivi e utili al territorio, pensando alle strade, ai servizi, alle scuole, ridando serenità alle migliaia di dipendenti che protestano giustamente alla ricerca di una rassicurante prospettiva”.

Enti locali, partita la consultazione online su liberi consorzi di comuni e città metropolitane

PALERMO – Ascoltare la voce di cittadini, imprese, associazioni su temi delicati come la riforma degli enti locali avviata in Sicilia. E’ questo l’obiettivo delle due consultazioni pubbliche online sulla riforma degli enti locali che è stata avviata dalla Regione siciliana. Come spiega l’assessore agli enti locali Patrizia Valenti in una lettera pubblicata sul sito della Regione (www.regione.sicilia.it) le consultazioni (aperte il 6 dicembre e che si chiuderanno il 15 gennaio) hanno l’obiettivo di «raccogliere commenti di cittadini, imprese, associazioni di categoria ed enti locali sui due disegni di legge: il primo che riguarda Norme per la costituzione di Liberi consorzi di Comuni”; il secondo che riguarda l’istituzione e ordinamento delle Città metropolitamne di Catania, Messina e Palermo».
Un progetto realizzato con il supporto di FormezPa, nell’ambito del Progetto “PO FSE 2007-2013 della Regione Siciliana, ASSE VII OB. Specifico P ” Rafforzare la capacità istituzionale e dei sistemi nell’implementazione delle politiche e dei programmi.
La consultazione pubblica online si sviluppa in due fasi: la prima fase ha una durata di due settimane, è aperta da venerdì 7 dicembre e si chiuderà venerdì 20 dicembre 2013;
 la seconda fase sarà aperta lunedì 23 dicembre e avrà termine entro il 15 gennaio 2014.

var obj_4w = obj_4w || []; obj_4w.push({'cid':'4w_238216_417612508', 'ic':"238216;110950;80350;0", 'format':'4W-IN'}); https://static.4wnetwork.com/js/sdk.min.js

I cittadini che partecipano alla consultazione pubblica online potranno commentare i testi dei due disegni di legge e ogni commento potrà essere a sua volta commentabile da altri utenti. Tutti commenti sono raccolti attraverso uno strumento che punta a favorire la partecipazione civica online, aperto a tutti: per inviare il proprio contributo è necessario autenticarsi attraverso il sistema FormezAuth o propri account social (Facebook, Twitter).
«Tutti i commenti raccolti attraverso la Consultazione pubblica online sulla Riforma degli enti locali saranno accuratamente analizzati da un team di esperti che avrà il compito di selezionarli e aggregarli in un primo Report intermedio, che verrà reso tempestivamente pubblico – spiegano i tecnici sul sito -. Al primo report farà seguito la pubblicazione di un Report di approfondimento che verrà tempestivamente pubblicato dopo il termine della consultazione.
I report saranno presentati formalmente dall’assessore delle Autonomie locali e della funzione pubblica della Regione siciliana, Patrizia Valenti, al Parlamento regionale e al presidente della Regione siciliana».

Per ricevere ulteriori informazioni o per segnalare eventuali problemi nella partecipazione alla Consultazione pubblica online sulla Riforma degli enti locali è possibile inviare una mail a consultazioneprovince@regione.sicilia.it

Il link per saperne di più
http://commenta.formez.it/ch/CittaMetropolitane/