Corte Ue: Italia risarcisca medici specializzandi non pagati

I medici specializzandi che hanno seguito delle formazioni a partire dal 1982 – anno di emanazione della direttiva Ue sull’argomento – devono essere adeguatamente remunerati come prevede quest’ultima. A condizione, però, che la specialità conseguita sia comune ad almeno due stati membri e sia menzionata dalla direttiva sul mutuo riconoscimento dei titoli di studio. Lo ha stabilito la Corte di […]

» Read more