Lo ha stabilito il sindaco con un'ordinanza. Disposta "per affrontare alcune inadeguatezze igienico sanitarie" e "garantire che gli interventi sanitari siano svolti senza rischio di contaminazione per i prodotti"