Parte del fasciame ligneo riportato alla luce sarà sottoposto ad alcuni test con l’ausilio di nanotecnologie utili a preservare e conservare i resti del relitto recuperato nel 2008 nei fondali di Marsala