Il diplomatico, che era accompagnato dal console onorario, Angelo Tagliavia, ha accettato di buon grado la proposta del presidente Miccichè