Tag: trivelle

News Sicilia, Notizie, Province siciliane

Trivelle, pochi votanti anche in Sicilia. I dati e i commenti

Flop del referendum sulle trivelle anche in Sicilia. Alla fine i siciliani che hanno votato  sono il 28 per cento degli aventi diritto. In Sicilia tra i votanti i Sì sfiorano il 90 per cento. I votanti in provincia di  Trapani sono stati il 33 per cento,  in quella di Catania il  29 per cento. In provincia di Caltanissetta i votanti sono stati il 22 per cento, la provincia con la minore affluenza.  In provincia di Enna  affluenza al 25 per cento.  In provincia di Palermo ha votato il 27 per cento, in quella di Ragusa il 29 per cento, in quella di Messina il 28 per cento, in provincia di Agrigento il 30 per cento, in quella di Siracusa il 27 per cento. In una Sicilia che ha votato poco spicca in forte controtendenza il dato di Sciacca dove l'affluenza è' stata altissima superando il quorum...
News Sicilia, Notizie

Trivelle in mare, tutto quello che c'è da sapere sul referendum del 17 Aprile

Trivelle in mare «sì», trivelle in mare «no». Il prossimo 17 aprile, come stabilito dal Consiglio dei Ministri lo scorso mese di febbraio, i cittadini saranno chiamati per la consultazione popolare e votare il referendum riguardante le trivellazioni in mare. Ecco in dieci punti tutto quello che c’è da sapere sul voto referendario promosso da nove consigli regionali, appoggiati da movimenti e associazioni ambientaliste. 1. Il referendum si svolgerà il 17 aprile 2016. Per risparmiare sull’allestimento dei seggi, in molti chiedevano di spostare il voto a giugno, quando in diverse città italiane si terranno le elezioni amministrative. La legge (decreto 98 del 2011) non prevede, però, che le elezioni possano svolgersi in concomitanza con un referendum. L’ultimo precedente, in tal senso, risale ...
News Sicilia, Notizie, Province siciliane

Trivelle in Sicilia, il governo ci ripensa e blocca 27 autorizzazioni

Trivelle in Sicilia, nuova puntata. Il governo infatti ha deciso di bloccare 27 autorizzazioni per la ricerca di idrocarburi in mare entro le 12 miglia (cioè circa 22 km) dalla costa. Il Ministero dello Sviluppo economico «rigetta l'autorizzazione» per le ricerche offshore di petrolio e gas a Ombrina e altre 26 domande entro 12 miglia dalla costa. È quanto scrive in un tweet il portavoce del ministro Federica Guidi.  Mise: rigettate tutte le domande di ricerca petrolifera entro le 12 miglia #trivellazioni https://t.co/i5gKJ4Aq6O — Ministero Sviluppo (@MinSviluppo) 5 Febbraio 2016 Con i 27 provvedimenti» di rigetto, spiega una nota del ministero dello Sviluppo economico, «è stata data piena attuazione» a quanto previsto dalla legge di Stabilità: «all'interno delle aree interdette», quell...
News Sicilia, Notizie

Trivelle, il referendum si farà

Trivelle. Il referendum si farà.  La Corte Costituzionale ha dichiarato ammissibile il referendum sulle trivelle: il quesito riguarda la durata delle autorizzazioni a esplorazioni e trivellazioni dei giacimenti già rilasciate. A proporlo sono nove Consigli regionali. Questo stesso quesito era già stato dichiarato ammissibile dalla Cassazione. "La Corte Costituzionale rende noto l'ufficio stampa della Consulta - nella seduta di oggi ha dichiarato ammissibile la richiesta di un referendum e improcedibili altre cinque richieste in materia di ricerca, prospezione e trivellazioni marine. Per questi ultimi, la Corte Costituzionale non ha potuto che prendere atto della pronuncia dell'ufficio centrale per il referendum della Cassazione che aveva dichiarato: 'non hanno più' corso le operazioni conc...
Trivelle, D'Alì: "Che capriola del governo…."
News Sicilia, Notizie

Trivelle, D'Alì: "Che capriola del governo…."

"Il ripristino per le trivellazioni petrolifere del limite delle 12 miglia dai confini delle aree protette, già stabilito nel 2010 dal governo Berlusconi e poi brutalizzato da quello Renzi, vede il governo ammettere il proprio errore, compiere non un passo, ma una vera e propria capriola all'indietro e costituisce una prima, ma ancora nons ufficiente, vittoria contro il rischio di inquinamento del nostro mare". Lo ha dichiarato il senatore siciliano Antonio  d'Alì, vicepresidente di Forza Italia a palazzo Madama, "da sempre in prima linea nella lotta alle trivellazioni petrolifere nel Mediterraneo". "E' certamente frutto di tante battaglie e di sprezzanti risposte, ma anche di tanta sana tenacia. Ora - ha aggiunto - ci attendiamo l'immediata conseguente decisione di blocco dell'iterdi tutt...
News Sicilia, Notizie

Trivelle nel Mediterraneo, marcia indietro di Renzi. Stop alle estrazioni

Stop del governo alle trivelle nel Mediterraneo. Renzi ha perso la sua battaglia, e si dice che avesse parecchio paura del referendum che alcune Regioni (ma non la Sicilia) avevano chiesto, con il via libera della Cassazione proprio qualche giorno fa. Gli ambientalisti esultano, gli analisti fanno notare che si perdono cinque miliardi di euro di investimenti. Che cosa è successo nelle ultime ore? Il governo ha presentato un emendamento alla legge di Stabilità per ripristinare il limite delle dodici miglia per le perforazioni petrolifere. Un emendamento presentato dal governo alla Legge di stabilità ripristina tale limite per le trivelle e, di fatto, segna un primo successo nella mobilitazione a difesa  delle coste. L'emendamento  prevede il ripristino del divieto delle 12 miglia facendo ...
News Sicilia, Notizie

I Cinque Stelle: "Vergognosa assenza della Sicilia dal gruppo di Regioni anti trivelle"

“L'incredibile, inconcepibile e vergognosa assenza della Sicilia dal gruppo delle Regioni proponenti il referendum anti-trivelle è un indelebile marchio del governo Crocetta che niente e nessuno potrà mai cancellare. Ancora una volta questo disastroso esecutivo e la maggioranza che lo regge dimostrano di assecondare le direttive dei potenti e dei petrolieri, invece di adoperasi, come dovrebbero, per gli interessi dei siciliani”. A pochi giorni dal deposito presso la Corte di Cassazione dei sei quesiti referendari contro le trivellazioni petrolifere introdotte dalla “Sblocca Italia”, il M5S torna su quella che considera una delle più grosse nefandezze del governo Crocetta, che “continua a svendere il territorio isolano, e ad avvelenarne i territori, come conferma la recente, scellerata sc...
News Sicilia, Notizie

Trivelle nel Mediterraneo, Rubbettino dice si: "Investimenti per 5 miliardi di euro"

Trivelle nel Mediterraneo, Rubbettino dice si. Una voce fuori dal coro, quella dei Giovani di Confindustria Catanzaro, i quali, attraverso le parole del presidente Marco Rubbettino, si dicono favorevoli alle esplorazioni dei fondali del Mediterraneo alla ricerca di fonti di energia quali gas e idrocarburi. “In questo momento siamo ostaggio dei comitati “no trivelle” e di una classe politica ancora troppo ideologizzata” afferma il presidente dei giovani di Confindustria Catanzaro, Rubbettino, che evidenzia come, così facendo, si andrebbe a rinunciare a raddoppiare la produzione di petrolio e gas, a investimenti per 5 miliardi di euro, a migliaia di posti di lavoro e a maggiori entrate (royalties e tassazione dei profitti) per 1,5 miliardi di euro preferendo importare idrocarburi e trasferen...
News Sicilia

"Stop alle trivelle in Sicilia". Conferenza all'Ars dopo la moratoria al Senato

“Stop alle trivelle in Sicilia – Vinta battaglia in Senato, mai più esplosioni in mare”. E’ il titolo della conferenza che si terrà martedì 17 marzo, alle 10.30, nella Sala Stampa dell’Assemblea regionale siciliana, organizzata dal gruppo Partito dei Siciliani – Mpa e dai senatori del gruppo Grandi Autonomie e Libertà del Senato per presentare l’emendamento e l’ordine del giorno al ddl 1345 Ecoreati approvati dal Senato il 3 marzo scorso che sanciscono la moratoria per le trivellazioni e il divieto di esplosioni in mare. Introduce il capogruppo del Partito dei Siciliani – Mpa all’Ars, Roberto Di Mauro. Intervengono i senatori del gruppo Gal Giuseppe Compagnone, Giuseppe Ruvolo, Antonio Scavone  e il senatore di Forza Italia Antonio D’Alì. Partecipa il consigliere giuridico del gruppo Gal ...
News Sicilia

Stop alle trivelle in Sicilia. Oggi un disegno di legge all’Ars

 Sbarcano oggi a sala d’Ercole 5 disegni di legge, tra cui il ddl voto che mira a stoppare le trivellazioni in Sicilia, Il testo è frutto dell’impegno della commissione Ambiente dell’Ars, guidata dal Cinquestelle Giampiero Trizzino e mira a disinnescare l’articolo 38 del ddl sblocca Italia, che rischia di mettere in moto le trivelle un po’ dovunque in Sicilia. Un eventuale “si” passerebbe la palla al Parlamento nazionale, che avrebbe la parola finale sulla questione, lasciando, però, pochissime prospettive di successo agli ambientalisti, visti gli orientamenti del governo Renzi. Per questo i parlamentari M5S cercano di fare arrivare il ddl a Roma “irrobustito” dal parere di un’intera regione, cui chiederanno di esprimersi con un referendum consultivo, sarebbe il primo in Sicilia. “In caso ...