MAZARA DEL VALLO (TRAPANI) (ITALPRESS) – “Accendiamo una luce di speranza per Denise”. E’ l’appello postato sui social da Piera Maggio, la mamma di Denise Pipitone, sparita nel nulla il primo settembre del 2004 a Mazara del Vallo, nel Trapanese, quando non aveva ancora 4 anni. In occasione del 17esimo anniversario della scomparsa, don Davide Chirco, responsabile del Seminario vescovile della Diocesi di Mazara del Vallo e del Servizio di pastorale, ha promosso un’iniziativa: un lumino o una candela sul davanzale della propria finestra per non dimenticare.
Piera Maggio da 17 anni attende di conoscere cosa sia accaduto a quella bimba dagli occhi grandi, sparita nel nulla in un’anonima mattina di fine estate a Mazara del Vallo, nel Trapanese. E non si arrende.
Era l’1 settembre del 2004, quando la piccola Denise, 4 anni, uscì dalla casa della nonna materna. Poi di lei più nulla. Come inghiottita in un buco nero, si perdono le tracce.
In 17 anni sono state numerose le segnalazioni che hanno finito soltanto per alimentare false speranze.
(ITALPRESS).

Leggi anche:  Marsala, cinque in corsa per guidare la Procura
https://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2021/09/20210901_1330.jpghttps://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2021/09/20210901_1330-150x150.jpgredazioneProvince sicilianeDenise
MAZARA DEL VALLO (TRAPANI) (ITALPRESS) – “Accendiamo una luce di speranza per Denise”. E’ l’appello postato sui social da Piera Maggio, la mamma di Denise Pipitone, sparita nel nulla il primo settembre del 2004 a Mazara del Vallo, nel Trapanese, quando non aveva ancora 4 anni. In occasione del...