Autostrade e appalti in Sicilia. Maxi operazione antimafia, 50 indagati

Condividi

Autostrade: terremoto in Sicilia. Una maxi operazione antimafia ha portato a 12 misure cautelari. Ma gli indagati sono oltre 50. Al centro dell’inchiesta il Cas, il Consorzio Autostrade Siciliane, con fondi pubblici distribuiti a tavolino tra dipendenti e dirigenti compiacenti.

Le accuse sono di truffa e peculato.  L’inchiesta è è coordinata dal magistrato Sebastiano Ardita e rappresenta lo sviluppo della prima operazione della Dia contro il sistema di spartizione degli appalti del Cas, basato su scambi e  favori tra imprenditori e dirigenti: alcuni avevano ottenuto anche la ristrutturazione della propria abitazione in cambio di affidamenti diretti e gare truccate.

I soldi dei lavori di messa in sicurezza, secondo quanto ha documentato la Dia, finivano dritti nelle tasche di alcuni dirigenti infedeli che, senza alcun progetto, incassavano premi e benefit.

Leggi anche:  La mostra fotografica itinerante per il trentennale della Dia

Il presidente del Cas Rosario Faraci in una nota si dice ”profondamente rammaricato per gli sviluppi della vicenda giudiziaria su fatti risalenti al 2012 e 2013 e manifesta, anche a nome della amministrazione e della direzione Generale, la totale fiducia nell’operato della Magistratura”. Il Cas procederà – aggiunge – secondo legge, ad adottare ogni conseguente provvedimento nei confronti dei dipendenti in servizio destinatari delle misure interdittive disposte dal magistrato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.