Caso Montante, Don Ciotti e Libera querelano giornale online LaPrimaTv.it

Condividi

Il presidente nazionale di Libera, Luigi Ciotti ha presentato atto di querela per reato di diffamazione a mezzo stampa nei confronti di Enzo Guidotto e di Angelo Di Natale , direttore responsabile della testata online LaPrimaTv.it per affermazioni gravi e diffamatorie, che ben lungi dal costituire la legittima espressione di critica personale, mirano a tracciare un quadro distorto, diffamatorio e calunnioso nei confronti di Libera e del suo presidente.

Oggetto della querela è riferito a due interviste rilasciate da Enzo Guidotto e pubblicate sul canale youtube della Testata LaPrimaTv in merito ad un approfondimento giornalistico sui fatti di cronaca giudiziaria riguardanti il Caso Montante in seguito della puntata della trasmissione televisiva “Report” intitolata “L’Apostolo dell’ antimafia”.

La valenza offensiva , calunniosa e diffamatoria sono eloquenti sin dai titoli con cui sono rubricate le due videointerviste condivise sul canale youtube della testata sia nel contenuti della stessa intervista. Affermazioni dalla chiara valenza diffamatoria che travisano scientemente la realtà con l’intento di delegittimare in maniera squalificante Libera e il suo Presidente.

“Abbiamo sempre rispettato il diritto ad una informazione libera e alla libertà di critica- dichiara Avvocato Enza Rando, vicepresidente nazionale Libera e responsabile dell’ufficio legale- ma non possiamo accettare dichiarazioni false e diffamatorie che ledono la dignità e la storia dell’associazione e del suo presidente. Ben vengano tutte le documentazioni, le analisi e le critiche ma a patto che siano oneste, serie e disinteressate. Se mancano queste prerogative etiche, la denuncia diventa diffamazione, calunnia.

Leggi anche:  M5S: “Nomina Caleca al CGA assolutamente inopportuna”
https://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2019/01/don-ciotti-1024x512.jpg

0 thoughts on “Caso Montante, Don Ciotti e Libera querelano giornale online LaPrimaTv.it”

Write a Reply or Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *