Catania, green pass falsi in vendita su Telegram: sequestrati e oscurati due canali

Green pass falsi venduti su Telegram dietro pagamento di un corrispettivo in criptovaluta di 250 euro. È quanto hanno scoperto gli investigatori della polizia postale di Catania, a seguito di una segnalazione della Digos che hanno riguardato i due canali “Green Bypass 2.0” e “Vendita Green Pass autentico” in cui erano iscritti rispettivamente 5.200 e oltre 120 utenti.  La procura di Catania ha disposto il sequestro preventivo dei canali.

green pass

Sequestrati smarthphone e supporti informatici

Sono stati identificati due partecipanti ai gruppi che vendevano green pass falsi nei confronti dei quali il pm ha disposto la perquisizione domiciliare e informatica. Gli investigatori hanno sequestrato smartphone e supporti informatici. Le indagini proseguono per l’identificazione di altri partecipanti. Intanto la società Telegram ha provveduto ad oscurare i canali.

Leggi anche:  Mafia, sequestro da 100 milioni a Catania a clan Santapaola-Ercolano

Il mercato nero dei green pass

Il mercato nero di green pass su Telegram registra in tutto il mondo un picco di falsi. Il raggio d’azione si espande a 29 Paesi, il numero dei venditori aumenta di 10 volte e di conseguenza aumentano gli abbonati ai gruppi di acquirenti. A livello globale, i prezzi variano normalmente da 85 a 200 dollari americani per ogni certificato. Il prezzo negli Stati Uniti è raddoppiato, da 100 a 200 dollari. Il mercato nero dei certificati falsi coinvolge 29 Paesi, nove dei quali sono new entry: Austria, Brasile, Lettonia, Lituania, Malta, Portogallo, Singapore, Thailandia ed Emirati Arabi Uniti.