Cementifici utilizzabili come termovalorizzatori

Le resistenze locali alla termovalorizzazione degli scarti è ancora forte, ma il via libera della Camera alla possibilità di utilizzare i cementifici come piccoli termovalorizzatori, ci avvicina alla soluzione di uno dei blocchi alla base delle continue emergenze rifiuti. Non tutti i rifiuti si possono riciclare e quindi anche nei Paesi dove la raccolta differenziata arriva a percentuali doppie rispetto all’Italia, come in Germania, resta comunque un 40% di scarti che andrebbero in discarica, ma si possono trasformare in energia. Per fare questo si utilizzano soprattutto i termovalorizzatori, ma anche i cementifici, che hanno degli altiforni adatti a questa funzione.

In Italia, però, le autorizzazioni ai cementifici arrivano con il contagocce e praticamente solo da Roma in su, per la forte opposizione che questa pratica incontra a livello locale, soprattutto al Centro-Sud. Ora la decisione della Camera – atteso il regolamento attuativo – dovrebbe consentire ai cementieri di ottenere più facilmente l’autorizzazione a bruciare, nei loro altiforni, quella parte di rifiuti che non può essere recuperata come materia riciclabile, mantenendo sempre criteri molto restrittivi a tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini. Da un lato, si taglia il consumo di materie prime vergini, come il carbone, che viene solitamente utilizzato a questo fine, sfruttando invece una fonte rinnovabile.

Dall’altro, si apre a una gestione più efficiente dei rifiuti, riducendo la quantità di scarti che, dopo il processo di differenziazione e riciclo, vanno a finire in discarica. Di conseguenza, caleranno anche i costi pagati dai cittadini per lo smaltimento. Con appena 46 termovalorizzatori (contro i 129 francesi e i 75 tedeschi) e neanche 6 milioni di tonnellate di rifiuti trattati per produrre energia (contro 13 milioni in Francia e 21 milioni in Germania), l’Italia è uno dei Paesi europei con più spazio per crescere in questo settore. Per Buzzi, Italcementi, Holcim, Cementirossi, Colacem e gli altri cementieri italiani, impegnarsi in questa direzione è del tutto coerente con il loro sforzo verso una maggiore sostenibilità del settore. Sul piano del risparmio delle risorse naturali, i membri dell’associazione confindustriale del cemento, l’Aitec, hanno già sostituito le materie prime vergini con rifiuti e scarti derivanti da altre attività industriali per quasi il 7% dei loro prodotti e nel 2012 hanno evitato 240mila tonnellate di emissioni di anidride carbonica, grazie all’utilizzo di 300mila tonnellate di combustibili alternativi, contenenti biomassa. Ma ci sono anche altre imprese che sarebbero pronte a investire in questo mercato. Il gruppo Erg, dopo l’uscita dagli idrocarburi, ha appena annunciato l’intenzione di entrare nel “waste to energy”, proprio nell’ambito dei cementifici: l’idea è di mettere a frutto il know-how raccolto in 70 anni di raffinazione, rilevando piccoli impianti, che avrebbero bisogno di un revamping per arrivare alla profittabilità.

dal Sole 24Ore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.