Compensi illegittimi nella sanità: Corte dei conti cita Razza, Borsellino e Gucciardi

ll pubblico ministero della procura regionale della Corte dei conti, Marco Cavallaro, dopo indagini e accertamenti del nucleo di polizia Economico finanziaria di Palermo, ha citato in giudizio gli ex assessori alla Sanità della Regione Siciliana Lucia Borsellino, figlia del giudice ucciso dalla mafia, Baldassare Gucciardi e l’attuale assessore Ruggero Razza, e i dirigenti generali Salvatore Sammartano e Mario La Rocca con l’ipotesi di danno erariale.

Corte dei conti


Sotto la lente della Procura, diretta da Gianluca Albo, gli esborsi e gli oneri che sarebbero stati indebitamente e illegittimamente sostenuti dalla Regione siciliana per i compensi dei componenti del consiglio di amministrazione della fondazione istituto Giglio di Cefalù per il periodo 2015-2020, in assenza di una normativa, statale o regionale, che legittimasse l’istituzione dello stesso consiglio di amministrazione. Il danno contestato ammonta complessivamente a 545.146,39 euro ed è così ripartito: Lucia Borsellino, assessore nella Giunta Crocetta, 153.578 euro, Baldassare Gucciardi 97.286 euro, Ruggero Italo Razza, attualmente in carica, 84.880 euro, Salvatore Sammartano 153.578 euro e Mario La Rocca 55.821 euro.

Leggi anche:  Terza dose di vaccino Covid: dal primo dicembre per fascia 40-60 anni