Credito: Sicilia agli ultimi posti per quantità di debito residuo da rimborsare

Nel I semestre 2017 oltre un terzo degli italiani, più precisamente il 35,4% del totale della popolazione maggiorenne (in crescita del +4,1% rispetto ad un anno fa), risulta avere almeno un contratto di credito rateale attivo e, a livello pro-capite, mensilmente rimborsa 356 Euro. Inoltre, mediamente i soggetti attivi nel credito risultano avere un indebitamento residuo – inteso come somma degli importi pro-capite ancora da rimborsare in futuro per estinguere i contratti in essere – pari a 34.114 Euro.

Relativamente alle forme di finanziamento più diffuse risultano al primo posto i prestiti finalizzati (destinati all’acquisto di beni e servizi quali auto, moto, elettronica ed elettrodomestici, articoli di arredamento, viaggi, ecc.) che hanno un peso in termini di numerosità pari al 43,5% sul totale. Al secondo posto troviamo i prestiti personali, che si legano alla rinnovata progettualità delle famiglie in uno scenario di progressivo miglioramento del quadro economico generale, con una incidenza pari al 34,0%. Infine, la componente dei mutui per acquisto di abitazioni, che si caratterizzano per una incidenza del 22,5% sul totale.

Queste le principali evidenze che emergono dall’aggiornamento al I semestre 2017 della Mappa del Credito realizzata da Mister Credit – l’area di CRIF che si occupa dello sviluppo di soluzioni e strumenti educational per i consumatori – partendo dall’analisi dei dati disponibili in EURISC, il sistema di informazioni creditizie gestito da CRIF che raccoglie i dati relativi a oltre 81 milioni di posizioni creditizie.

La Mappa del Credito in Sicilia

In Sicilia il 33,5% della popolazione maggiorenne risulta avere almeno un rapporto di credito attivo. La provincia di Siracusa è quella che ha fatto segnare la quota più elevata in regione, pari al 39,0%. Seguono le province di Catania (37,1%) e Palermo (36,9%). All’estremo opposto della classifica si colloca la provincia di Enna, dove solamente il 27,40% della popolazione ha almeno un rapporto di credito attivo.

Leggi anche:  Mafia, sequestro da 100 milioni a Catania a clan Santapaola-Ercolano

In relazione alla distribuzione delle tipologie di contratti di credito nel portafoglio delle famiglie, la Sicilia ha fatto registrare un’incidenza inferiore alla media nazionale per quanto riguarda i mutui (pari al 16,7%) che la colloca al 17° posto a livello nazionale, dopo il Molise (17,9%). Relativamente ai prestiti personali, invece, il peso nel portafoglio dei crediti attivi risulta pari al 37%, mentre per quanto riguarda i prestiti finalizzati all’acquisto di beni e servizi il peso sul totale si attesta al 46,3%.

A livello provinciale, Ragusa guida la classifica regionale per quanto riguarda i mutui, con un’incidenza del 20,5% sul portafoglio crediti. Relativamente ai prestiti finalizzati è, invece, la provincia di Palermo a far segnare la quota più elevata di contratti di credito, pari al 50,3%. Infine, Enna e Trapani si posizionano in vetta alla classifica regionale rispetto all’incidenza dei prestiti personali, rispettivamente con il 39,2% e 38,4% sul totale dei contratti di credito.

L’importo della rata media mensile pro-capite

Dallo studio condotto da Mister Credit, il Trentino-Alto Adige è risultato essere la regione nella quale i cittadini sostengono la rata media più elevata, pari a 408 Euro. Seguono la Lombardia e il Veneto, entrambe con una rata media di 402 Euro. La Sicilia si colloca al 18° posto assoluto con una rata media mensile pari a 312 Euro. Per interpretare questa dinamica deve essere considerata l’incidenza dei mutui, che tipicamente hanno un importo da rimborsare più elevato rispetto alle altre forme tecniche considerate.

Leggi anche:  Bonus edilizia, scoperte frodi per 800 milioni di euro

Entrando nel dettaglio provinciale della Sicilia, spicca Ragusa, con una rata media mensile pari a 330 Euro. Seguono Messina e Caltanissetta, rispettivamente con 322 Euro e 320 Euro.

Il debito residuo ancora da rimborsare

Per quanto riguarda l’indebitamento medio la Lombardia si colloca al 1° posto del ranking nazionale, con 42.957 Euro pro capite che ancora devono essere rimborsati, seguita dal Trentino-Alto Adige con 40.827 Euro e dall’Emilia-Romagna con 39.571 Euro. La Sicilia si posiziona al penultimo posto a livello nazionale con soli 24.779 Euro.

La provincia siciliana con l’indebitamento medio più elevato risulta essere Palermo con un valore pari a 29.083 Euro. Al contrario, la provincia i cui cittadini risultano avere l’esposizione più contenuta è Agrigento, con un indebitamento medio di 20.171 Euro, che la colloca al penultimo posto della classifica nazionale davanti alla sola Reggio Calabria.

“La scelta di realizzare la Mappa del Credito – pubblicamente consultabile alla pagina http://www.mistercredit.it/informati/mappa-credito – nasce dall’obiettivo di fornire ai consumatori uno strumento gratuito e di facile consultazione, che con un semplice clic del mouse consente di mettere a confronto la propria situazione personale con i benchmark del territorio di riferimento, posto che la gestione del credito è determinata da fattori personale quali il proprio reddito, le proprie esigenze e prospettive”. – spiega Beatrice Rubini, Direttore della linea Mister Credit di CRIF.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

>